Il calo di SVB potrebbe aumentare le preoccupazioni degli investitori in azioni cinesi

HONG KONG, 12 marzo (Reuters) – Gli investitori azionari cinesi, già delusi dall’obiettivo di crescita economica inferiore alle attese di Pechino quest’anno, saranno ulteriormente sgomenti per il crollo shock del prestatore statunitense SVB Financial Group, hanno affermato gli operatori di mercato.

L’indice cinese CSI300 (.CSI300) è sceso del 4% la scorsa settimana, mentre l’Hang Seng di Hong Kong (.HSI) è sceso del 6%, dopo il modesto obiettivo di crescita del PIL cinese del 5% per il 2023, approvato dalla sessione annuale del parlamento. – speranze deluse per una spinta maggiore.

Il sentimento del mercato potrebbe essere ulteriormente smorzato dall’improvviso calo di venerdì dell’istituto di credito specializzato in start-up SVB (SIVB.O), che ha scatenato un acceso dibattito sulla sua caduta durante il fine settimana in Cina.

“Il fallimento di SVB è un barometro dei rischi macro… che riflette il modo in cui i prezzi degli asset sono influenzati dagli aumenti dei tassi della banca centrale”, ha affermato Yuan Yuwei, gestore di hedge fund presso Water Wisdom Asset Management. risorse.

Ultimi aggiornamenti

Guarda altre 2 storie

Sebbene sia improbabile che l’evento scateni un’altra crisi finanziaria, potrebbe avere un impatto psicologico negativo sui mercati cinesi, ha affermato.

La joint venture cinese di SVB con la Shanghai Pudong Development Bank (600000.SS) ha dichiarato sabato di avere una solida struttura aziendale e un bilancio gestito in modo indipendente, in un apparente tentativo di placare i clienti locali.

Ma molte start-up tecnologiche cinesi, in particolare quelle con finanziamenti in dollari, hanno aperto conti statunitensi presso SVB. Almeno un gruppo WeChat con diverse centinaia di membri è stato creato dagli entusiasti clienti cinesi di SVB che cercano di proteggere i loro interessi.

READ  Notifiche in tempo reale | Dopo la ribellione armata del leader mercenario russo

La bassa propensione al rischio derivante dall’ampliamento della connessione azionaria Cina-Hong Kong di lunedì potrebbe smorzare qualsiasi entusiasmo. Più di 1.000 azioni A quotate in Cina e quasi 200 azioni negoziate a Hong Kong saranno incluse nel piano di investimenti transfrontalieri.

Non evaporare

Li Bei, un gestore di fondi della casa di hedge fund Banksia con sede a Shanghai, ha affermato di aver ridotto le partecipazioni e “mantenuto un’esposizione relativamente bassa”, citando la mancanza di buone prospettive.

Uno stimolo economico prudente e un ambiente creditizio relativamente rigido per il 2023 significano che “sarà difficile per le azioni salire più in alto rispetto ai livelli attuali e il mercato rimarrà volatile”, ha scritto Banksia in una lettera agli investitori la scorsa settimana.

Domenica la Cina ha mantenuto in carica il suo governatore della banca centrale e il ministro delle finanze al termine di una sessione di una settimana del Congresso nazionale del popolo (Anp) che ha inaugurato il terzo mandato quinquennale di Xi Jinping come presidente cinese. Li Qiang, un confidente di lunga data di Xi, è stato promosso premier l’anno scorso per guidare un’economia che è cresciuta solo del 3%.

Derek Lin, gestore di portafoglio presso la Columbia Threadneedle Investments con sede a Boston, ha affermato che il governo “ha bisogno di un buon anno” ma non ha fretta di avviare un grande stimolo, quindi “il mercato sta cercando di eccitarsi, ma c’è una certa riluttanza”.

Stanley Tao, fondatore e CIO di Golden Nest Capital Management, non prevede un ampio mercato rialzista in Cina quest’anno poiché il mercato dei soft asset rimane un freno per l’economia. È diffidente nei confronti dei titoli tecnologici che potrebbero essere danneggiati dall’attrito tra Stati Uniti e Cina.

READ  Scoot Henderson dei Trail Blazers, Amen Thompson dei Rockets fuori per infortuni nella partita della Summer League

Le A-share domestiche, tuttavia, sono più vulnerabili alle potenziali ricadute derivanti da un crollo della SVB rispetto alle azioni cinesi offshore, affermano gli analisti.

Zhao Bing Zhu, stratega del mercato globale presso JP Morgan Asset Management, ha affermato che il fallimento dell’SVP riflette condizioni di finanziamento più rigide per le società tecnologiche durante il ciclo di rialzo dei tassi negli Stati Uniti.

“La preoccupazione è che possiamo vedere solo la punta dell’iceberg”, ha detto Zhu durante la trasmissione in diretta di sabato.

(Questa storia è stata ristampata per fissare la data)

Rapporti aggiuntivi di Samuel Shen e Georgina Lee; Montaggio di Raju Gopalakrishnan

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *