Il Dipartimento di Giustizia afferma che sta valutando la situazione al confine tra Texas e Messico tra “rapporti problematici” sul trattamento dei migranti



Cnn

Il Dipartimento di Giustizia sta valutando la situazione lungo il confine tra Texas e Messico, affermando in una dichiarazione alla CNN che i rapporti secondo cui alle truppe del Texas è stato ordinato di spingere i migranti nel Rio Grande e di non dar loro acqua sono “inquietanti”.

La dichiarazione del Dipartimento di Giustizia è il primo riconoscimento pubblico che il dipartimento sta valutando la situazione ma si è fermato prima di avviare un’indagine. Una valutazione può essere il primo passo verso un’indagine.

“Il Dipartimento è a conoscenza dei rapporti preoccupanti e stiamo lavorando con il DHS e altre agenzie competenti per valutare la situazione”, ha detto alla CNN la portavoce del Dipartimento di Giustizia Xochitl Hinojosa.

L’ispettore generale del Dipartimento della pubblica sicurezza del Texas ha ricevuto diverse denunce aggiuntive dal personale del DPS al confine tra Texas e Messico sul trattamento dei migranti che tentano di entrare negli Stati Uniti, hanno detto alla CNN tre fonti vicine alle indagini.

In una dichiarazione congiunta martedì Insieme ad altri alti funzionari del Texas, tra cui il capo del Dipartimento della pubblica sicurezza Steve McGraw, l’ufficio di Greg Abbott ha affermato che non sono stati emessi ordini o direttive durante l’operazione Lone Star che avrebbero “compromesso la vita di coloro che tentano di attraversare il confine illegalmente”.

L’amministrazione Biden ha ripetutamente criticato le azioni di Abbott al confine meridionale degli Stati Uniti e la sua decisione di trasferire gli immigrati nelle città a guida democratica senza integrazione. La CNN ha riferito in precedenza che il Dipartimento per la sicurezza interna e il Dipartimento di giustizia stanno continuando a discutere quali azioni potrebbero intraprendere contro il governo.

READ  Dan Lemon, il conduttore principale della CNN, lascia bruscamente la rete

La portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ha definito le ultime azioni di Abbott al confine una “trovata politica” e “vergognosa” mercoledì quando le è stato chiesto delle preoccupazioni del governo messicano sulle sanzioni fluttuanti dello stato.

“Ho visto queste dichiarazioni, e penso che una di esse, questo governatore l’abbia ripetuta, sono molto chiaro sul modo disumano in cui trattiamo questa situazione. È crudele – le azioni che decide di intraprendere. … Invece di trovare una soluzione e lavorare insieme su questo problema, lo sta trasformando in una trovata politica”, ha detto mercoledì Jean-Pierre.

“Non è sorprendente. Ieri mi è stato chiesto di bambini abbandonati – o bambini migranti – che non ricevono acqua. Ed è quello che stiamo vedendo più e più volte da questo governatore del Texas e dal governatore Abbott – tutto ciò che sentiamo è – come paese, dignità umana fondamentale. La decenza umana di base e non lo vediamo da questo governatore.

Jean-Pierre ha detto che non parlerà del “lato legale” della situazione e deferirà qualsiasi azione legale al Dipartimento di giustizia.

Il dibattito interno sull’azione legale contro il Texas è iniziato lo scorso anno dopo che Abbott ha iniziato a inviare migranti nelle città di tutto il paese senza preavviso e ha continuato a dispiegare galleggianti nel Rio Grande, mettendo i migranti a rischio di annegamento.

Il Texas sta già affrontando una causa contro l’installazione di un divieto di galleggiamento offshore. Il proprietario di una società texana di canoe e kayak ha intentato la causa lo stesso giorno in cui il confine tra Stati Uniti e Messico ha iniziato a utilizzare boe per la barriera nel tentativo di tenere i migranti fuori dal fiume all’inizio di questo mese.

READ  Livestream, palinsesto e copertura TV - Scadenza

La causa nomina lo stato del Texas e Abbott, così come il Dipartimento della pubblica sicurezza del Texas e la Guardia nazionale del Texas.

Non è chiaro se l’amministrazione intraprenderà un’azione legale contro il Texas e i funzionari hanno sottolineato che gli agenti di frontiera hanno storicamente lavorato a stretto contatto con la Guardia nazionale del Texas e il Dipartimento della pubblica sicurezza del Texas.

Ma non è la prima volta che la magistratura avvia un procedimento su questioni legate ai confini. L’anno scorso, il Dipartimento di Giustizia ha citato in giudizio l’Arizona per aver collocato container al confine meridionale degli Stati Uniti, una mossa che è stata presa dall’allora governatore repubblicano Doug Ducey come un affronto alle politiche sull’immigrazione di Biden. L’Arizona alla fine ha accettato di rimuovere i contenitori.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *