Il presidente polacco firma il “Tusk Act” per l’indebita influenza russa

VARSAVIA, 29 maggio (Reuters) – Il presidente della Polonia ha detto lunedì che firmerà un disegno di legge che consente a una commissione di indagare se il partito di opposizione Piattaforma civica (PO) ha permesso al paese di diventare indebitamente dipendente dalla Russia. carburante mentre è al potere.

Il PO liberale, al governo dal 2007 al 2015, respinge le affermazioni e afferma che è progettato per distruggere il sostegno al suo leader ed ex primo ministro, Donald Tusk, in vista delle elezioni previste per ottobre o novembre.

Il presidente Andrej Duta ha detto che stava firmando il disegno di legge perché credeva che sarebbe “entrato in vigore”, ma ha anche detto che avrebbe chiesto al Tribunale costituzionale di esaminare le critiche secondo cui era incostituzionale.

Il disegno di legge istituirebbe una commissione d’inchiesta che potrebbe emettere un primo rapporto a settembre. Figure dell’opposizione l’hanno soprannominata Lex Tusk, usando la parola latina per legge.

“In un normale paese democratico, qualcuno che è il presidente di quel paese non firmerebbe una legge simile a Stalin”, ha detto il parlamentare del PO Marcin Gierwinski all’emittente privata TVN 24.

La commissione parlamentare indagherà sul periodo 2007-2022 e avrà il potere di vietare a coloro che hanno agito sotto l’influenza russa di ricevere autorizzazioni di sicurezza o ricoprire ruoli in cui sono responsabili di fondi pubblici per 10 anni. Ufficio.

Anche prima che la guerra della Russia contro l’Ucraina iniziasse nel febbraio dello scorso anno, la dipendenza della Polonia dal carburante russo è costantemente diminuita.

Durante il mandato di Tusk è iniziata la costruzione di un terminale di importazione di gas naturale liquefatto (GNL) per consentire le importazioni di gas non russo.

READ  Un morto tra inondazioni improvvise, smottamenti e chiusure stradali a New York

Durante il mandato di Tusk, la Polonia ha firmato un accordo con la russa Gazprom nel 2010, osserva la giustificazione ufficiale del disegno di legge.

La principale raffineria statale PKN Orlen (PKN.WA) ha dichiarato il mese scorso che avrebbe utilizzato carburante russo nelle sue raffinerie ceche dopo aver terminato il contratto con la russa Tatneft a febbraio.

Reportage di Alan Charlish, Anna Wlodarczak-Czemchuk, Anna Gober e Marek Strelecki; Montaggio di Robert Birzel e Barbara Lewis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *