Kenan Thompson sostiene le lotte universitarie fino a quando sua figlia non si impegna in un’apertura a freddo “SNL”.



CNN

“Saturday Night Live” ha assunto uno dei titoli dei giornali della scorsa settimana nel suo ultimo episodio, in cui il cast ha trascorso il fine settimana lottando come genitori preoccupati dei ragazzi del college di New York City.

L’episodio di sabato – condotto da Dua Lipa (che ha anche fatto un’apparizione come ospite musicale) – vedeva Michael Longfellow come conduttore di talk show che accoglieva i genitori, interpretato da Heidi Gardner, Mikey Day e Kenan Thompson.

Longfellow ha notato che questo è un momento di ansia nei campus universitari di tutto il paese e ha chiesto ai suoi ospiti un feedback.

Sebbene i personaggi di Gardner e Day esprimano preoccupazione per le attività dei loro figli nelle proteste contro la guerra di Israele contro Hamas, Thompson ha detto di sostenere gli sforzi.

“Penso che sia fantastico, è fantastico”, ha detto. “Niente mi rende più orgoglioso che vedere i giovani usare la loro voce per lottare per ciò in cui credono.”

Ma quando Longfellow chiese a Thompson cosa pensasse del fatto che sua figlia, una studentessa della Columbia, fosse particolarmente coinvolta, quest’ultimo rispose: “E adesso? Di chi è la figlia quando è fuori? No amico, sopravvivi!”

“Alexis Vanessa Roberts farà meglio a tenere il sedere in classe. Scoprirò che è in una di quelle tende schifose invece che nel dormitorio che ho pagato”, ha aggiunto.

Quando Day osservò: “Pensavo fossi a favore delle proteste studentesche”, Thompson replicò: “Fratello, sostengo i tuoi figli che protestano. Non i miei figli. I miei figli lo sanno bene, spara.

Thompson in seguito disse che sua figlia non avrebbe parlato in una protesta dicendo “è gratis, gratis”, aggiungendo: “Perché ti dirò cosa non è gratis: Columbia!”

READ  Elezioni locali turche: l'opposizione stupisce Erdogan con una vittoria storica

Ha notato come la scuola abbia il “coraggio” di addebitare “68.000 dollari all’anno” per le tasse scolastiche e come lui sia “fuori di testa” per pagarle.

“Faccio di tutto. Uber tutto il giorno, Uber tutta la notte, falciare l’erba nei fine settimana, vendere portafogli Gucci dal mio bagagliaio”, ha continuato “Life coaching su IG, vado a caccia di taglie quando possibile.”

Martedì alla Columbia University, dozzine di manifestanti sono entrati nella Hamilton Hall dell’università e si sono barricati prima che l’istituto chiedesse assistenza al dipartimento di polizia di New York City.

Secondo la polizia di New York, 282 persone sono state arrestate durante le manifestazioni filo-palestinesi in Columbia e al City College di New York.

Secondo un funzionario della polizia di New York, 32 delle 112 persone arrestate alla Columbia (o il 29%) non erano collegate all’università. Al City College di New York furono arrestate 170 persone, 102 delle quali (o il 60%) non erano affiliate al college.

Shimon Prokupecz, Mark Morales e Celina Tebor della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *