La Cina ha tagliato altri due tassi di prestito chiave mentre l’economia vacilla

  • Una serie di dati economici nelle ultime settimane è stata inferiore alle aspettative e la Cina sembra essere sull’orlo della deflazione mentre la fiducia si apre di nuovo.
  • Le principali banche di investimento, tra cui Goldman Sachs e JP Morgan, hanno recentemente tagliato le loro stime del PIL per l’intero anno per la Cina, avvertendo di venti contrari in arrivo.

La People’s Bank of China ha tagliato diversi tassi ufficiali per rilanciare la crescita economica nella seconda economia più grande del mondo.

Immagini del divano | Razzo leggero | Belle foto

Martedì la Banca popolare cinese ha tagliato altri due tassi di prestito chiave per la prima volta in 10 mesi, minando la crescita nella seconda economia mondiale.

La banca centrale cinese ha tagliato il tasso di prestito a un anno di 10 punti base, dal 3,65% al ​​3,55%, e ha tagliato il tasso di prestito a cinque anni di 10 punti base, dal 4,3% al 4,2%, per la prima volta da agosto.

“Da soli, i tagli di 10 punti base sono troppo piccoli per fare una grande differenza per le condizioni monetarie, soprattutto perché i tassi bancari inter-mercato sono già al di sotto dei tassi ufficiali”, hanno scritto in una nota Julian Evans-Pritchard e Zhichun Huang di Capital Economics.

“Ma la PBOC utilizza le variazioni dei tassi ufficiali come strumento di segnalazione, fortemente ponderato da altri strumenti come i requisiti di riserva e le disposizioni sul credito bancario”, hanno aggiunto. “L’ultimo round di tagli dei tassi suggerisce che verranno utilizzati anche questi strumenti”.

Una misura degli sviluppatori cinesi quotati a Hong Kong, l’Hong Seng Mainland Properties Index, è scesa di oltre il 3%, mentre Country Garden è scesa di circa il 5%. La metà dei partecipanti a un sondaggio Reuters ha previsto un taglio profondo di almeno 15 punti base nel tasso quinquennale.

READ  Il rappresentante Jorge Santos è stato incriminato in un'indagine federale del Dipartimento di Giustizia

Le perdite nel settore immobiliare hanno pesato sui benchmark azionari della terraferma e di Hong Kong, mentre lo yuan cinese onshore e offshore è stato scambiato al livello più basso dalla fine di novembre.

L’ultimo taglio dei tassi arriva sulla scia di due misure di demonetizzazione della scorsa settimana. Giovedì scorso, la PBOC ha tagliato la sua linea di prestito a medio termine a un anno per la prima volta in 10 mesi, e lunedì della scorsa settimana ha tagliato il suo tasso di riacquisto inverso a sette giorni.

La maggior parte dei mutui per la casa e dei prestiti alle imprese in Cina si basano sul tasso di prestito a un anno della PBOC, mentre i mutui sono legati al tasso a cinque anni.

Leggi di più sulla Cina da CNBC Pro

La mossa di martedì era ampiamente prevista dopo una raffica di dati economici nelle ultime settimane, dalla produzione industriale e gli investimenti in immobilizzazioni alle vendite al dettaglio e al commercio di maggio. La Cina sembra essere sull’orlo della deflazione mentre la fiducia si riapre.

Le principali banche d’investimento, tra cui Goldman Sachs e JP Morgan, hanno recentemente tagliato le loro stime del PIL per l’intero anno per la Cina e hanno avvertito delle ripercussioni future.

Di venerdì, Lo ha promesso il Consiglio di Stato cinese Svelare “misure più solide” al momento giusto per “migliorare il ritmo della crescita economica, migliorare la struttura economica e promuovere una ripresa sostenuta dell’economia”.

“Ampie dichiarazioni politiche, inclusa la lettura della riunione del Consiglio di Stato di venerdì, chiariscono che i funzionari sono più preoccupati per l’economia e che sostenere la crescita ora ha la priorità su altre preoccupazioni, inclusa la redditività delle banche”, hanno aggiunto Evans-Pritchard e Huang. .

READ  PREVISIONI AREA DC: Soleggiato e un po' di fumo oggi mentre le possibilità di tempesta si fermano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *