La polizia ha arrestato 13 persone dopo che i manifestanti hanno occupato l’ufficio presidenziale di Stanford

Mercoledì gli agenti di polizia hanno arrestato 13 persone dopo che i manifestanti filo-palestinesi avevano assediato l’ufficio del presidente dell’Università di Stanford e chiesto agli amministratori di soddisfare diverse richieste, incluso un voto da parte degli amministratori dell’università sull’opportunità o meno di disinvestire da istituzioni presumibilmente filo-israeliane. Militare.

Gli uffici amministrativi situati nell’Edificio 10 sono stati evacuati nel giro di circa tre ore, ha detto il portavoce del campus Dee Mostoby, che ha descritto i “danni estesi”. Molti dei muri e dei pilastri all’esterno erano ricoperti di graffiti che criticavano la polizia, Stanford e Israele.

I manifestanti sono entrati nell’edificio intorno alle 5:30 di mercoledì e gli agenti di polizia universitari sono arrivati ​​sulla scena dopo essere stati allertati dell’occupazione, secondo la signora Mostobi. L’edificio ospita gli uffici del presidente dell’Università Richard Saller e della professoressa Jenny Martinez.

Un agente è stato ferito durante gli arresti e la signora Mostobi ha detto che gli studenti arrestati sarebbero stati sospesi e agli anziani non sarebbe stato permesso di diplomarsi.

“Siamo sconvolti dal fatto che i nostri studenti abbiano scelto di intraprendere questa azione e lavoreremo con le forze dell’ordine per garantire che affrontino tutte le conseguenze consentite dalla legge”, ha affermato la signora Mostofi in una nota.

Mercoledì è l’ultimo giorno di lezione per il trimestre primaverile a Stanford. Poco dopo gli arresti mattutini, le forze dell’ordine hanno iniziato a rimuovere un accampamento filo-palestinese nella piazza del campus dalla fine di aprile e ad allestire una manifestazione filo-israeliana nelle vicinanze.

Le proteste filo-palestinesi hanno travolto i campus universitari di tutto il paese questa primavera e più di 3.000 persone sono state arrestate o detenute.

READ  Biden e Trump si radunano in Georgia nella rivincita del 2024

Nel complesso, la situazione a Stanford era più tranquilla che in altre importanti università della California. Nelle ultime settimane è scoppiata una rissa presso l’Università della California, a Los Angeles, i contro-manifestanti hanno attaccato un campo filo-palestinese e i manifestanti hanno occupato per una settimana un edificio amministrativo presso la California State Polytechnic University di Humboldt.

La maggior parte degli accampamenti negli altri campus sono stati sgomberati dalle forze dell’ordine o smantellati dai manifestanti che hanno raggiunto accordi con gli amministratori dopo la fine dell’anno scolastico.

A Stanford, un gruppo di protesta che si autodefinisce Università Popolare per l’Accampamento Palestinese ha dichiarato in un comunicato all’inizio di mercoledì che i suoi membri avevano occupato l’Edificio 10 e intendevano rimanervi finché l’università non avesse soddisfatto diverse richieste. Il gruppo ha chiesto al consiglio di amministrazione di Stanford di valutare la prossima settimana se disinvestire da società tra cui Hewlett-Packard, Lockheed Martin e Chevron che secondo gli oppositori forniscono supporto materiale e logistico alla campagna militare israeliana a Gaza.

I manifestanti hanno chiesto al dottor Saller di sostenere il piano di disinvestimento, di rilasciare tutti i beni del fondo di Stanford e di abbandonare tutte le azioni disciplinari contro gli attivisti studenteschi filo-palestinesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *