Le azioni Credit Suisse sono scese del 5% a causa di “debolezze sostanziali” nel reporting finanziario

Logo del Credit Suisse Group a Davos, Svizzera, lunedì 16 gennaio 2023.

Bloomberg | Bloomberg | Belle foto

Azioni debito svizzero È sceso del 5% nelle prime contrattazioni di martedì, toccando un nuovo minimo storico, dopo che la banca ha annunciato di aver identificato “debolezze sostanziali” nei suoi processi di rendicontazione finanziaria per il 2022 e il 2021.

Le azioni hanno leggermente ridotto le perdite, ma sono scese di oltre il 4% entro le 9:30 ora di Londra.

Il travagliato prestatore svizzero ha fatto l’osservazione nella sua relazione annuale, che inizialmente era prevista per giovedì scorso, ma è stata ritardata da una chiamata tardiva della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti.

La comunicazione della SEC riguardava la “Valutazione tecnica delle modifiche precedentemente divulgate e dei controlli correlati ai rendiconti finanziari consolidati per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2020 e 2019”.

Nella relazione annuale di martedì, il Credit Suisse ha rivelato di aver identificato “alcune debolezze sostanziali nel nostro controllo interno sulla rendicontazione finanziaria” per gli anni 2021 e 2022.

Questi problemi riguardano “l’incapacità di progettare e mantenere un efficace processo di valutazione del rischio per identificare e analizzare il rischio di errori significativi” e varie carenze nel controllo interno e nella comunicazione.

Nonostante ciò, i suoi bilanci per gli anni in questione erano “corretti, sotto tutti gli aspetti sostanziali, [its] Situazione Finanziaria Consolidata.”

Il Credit Suisse ha anche affermato che i suoi deflussi netti di attività si sono attenuati ma “non si sono ancora invertiti”. La banca ha confermato i risultati del 2022 annunciati il ​​9 febbraio che hanno mostrato una perdita netta per l’intero anno di 7,3 miliardi di franchi svizzeri ($ 8 miliardi).

READ  Un giudice federale ha trovato prove evidenti di crimini prima che Trump fosse incriminato nel caso dei documenti riservati

Rischio di liquidità

La banca ha rivelato che la fine del 2022 ha visto “ritiri significativamente più elevati di depositi in contanti, mancato rinnovo di depositi a scadenza e deflussi netti di attività significativamente superiori ai tassi registrati nel terzo trimestre del 2022”.

Il Credit Suisse ha registrato prelievi di clienti per oltre 110 miliardi di franchi svizzeri nel quarto trimestre.

“Questi deflussi si sono stabilizzati a livelli molto bassi, ma non sono cambiati alla data della presente relazione. Questi deflussi hanno portato a un utilizzo parziale delle riserve di liquidità a livello di gruppo e di entità giuridica, e siamo scesi al di sotto di determinati livelli di entità giuridica requisiti normativi”.

Il Credit Suisse ha riconosciuto che queste circostanze hanno “aumentato e potrebbero continuare ad aumentare” i rischi di liquidità. Si prevede che la riduzione delle masse in gestione ridurrà il margine di interesse e le commissioni e commissioni ricorrenti, che avranno un impatto sugli obiettivi di posizione patrimoniale della banca.

“Il fallimento nell’invertire questi deflussi e nel recuperare le nostre attività in gestione e deposito potrebbe avere un effetto negativo sostanziale sui nostri risultati operativi e sulle condizioni finanziarie”, afferma la dichiarazione.

Il Credit Suisse ha ribadito di aver intrapreso “un’azione decisiva” sui problemi preesistenti nell’ambito della sua importante revisione strategica, che dovrebbe comportare ulteriori perdite finanziarie “significative” nel 2023.

Il consiglio di amministrazione della banca ha previsto collettivamente un bonus per la prima volta in oltre 15 anni, portando a casa un compenso fisso di 32,2 milioni di franchi svizzeri, conferma il rapporto annuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *