L’esercizio fisico riduce il rischio genetico di diabete di tipo 2

Riepilogo: Uno stile di vita attivo può ridurre significativamente il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, anche nelle persone con elevata predisposizione genetica. La ricerca ha rivelato che alti livelli di attività fisica, in particolare di intensità da moderata a vigorosa, sono fortemente legati a un minor rischio di diabete di tipo 2.

È interessante notare che, rispetto agli individui a basso rischio ma inattivi, i partecipanti più attivi con un alto rischio genetico avevano un rischio inferiore di sviluppare la malattia. I risultati sottolineano l’importanza dell’attività fisica nella prevenzione del diabete di tipo 2.

Aspetti principali:

  1. Lo studio ha utilizzato i dati di 59.325 adulti della Biobanca del Regno Unito che indossavano accelerometri per monitorare l’attività fisica nell’arco di sette anni.
  2. Coloro che praticavano attività fisica da moderata a intensa per più di un’ora al giorno avevano un rischio inferiore del 74% di sviluppare il diabete di tipo 2.
  3. Anche gli individui con un alto rischio genetico per il diabete hanno un rischio inferiore di malattia se sono più attivi rispetto agli individui inattivi con un basso rischio genetico.

Fonte: Università di Sidney

Una nuova ricerca mostra che essere attivi può ridurre il rischio di diabete di tipo 2, anche nelle persone con un alto rischio genetico di sviluppare la condizione.

Uno studio condotto dall’Università di Sydney ha rilevato che livelli più elevati di attività fisica totale, in particolare attività fisica di intensità da moderata a vigorosa, erano fortemente associati a un minor rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

I risultati sono stati pubblicati Giornale britannico di medicina dello sport.

I ricercatori affermano che lo studio dimostra che alti livelli di attività fisica dovrebbero essere incoraggiati come strategia chiave per prevenire il diabete di tipo 2, che colpisce milioni di australiani.

Hanno partecipato allo studio 59.325 adulti della Biobanca del Regno Unito, Le persone che indossavano accelerometri (inseguitori di attività indossati al polso) all’inizio dello studio sono state poi seguite per un massimo di sette anni per monitorare i risultati di salute.

READ  Legge sul divieto di traino del Tennessee: il giudice blocca temporaneamente la legge

UK Biobank è un database biomedico su larga scala e una risorsa di ricerca contenente informazioni genetiche, sullo stile di vita e sulla salute rese anonime da mezzo milione di partecipanti britannici.

Questi includono marcatori genetici associati a un aumentato rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Rispetto a quelli con un punteggio di rischio genetico basso, quelli con un punteggio di rischio genetico elevato avevano un rischio 2,4 volte maggiore di sviluppare il diabete di tipo 2.

Lo studio ha dimostrato che i partecipanti che svolgevano più di un’ora di attività fisica di intensità da moderata a vigorosa al giorno erano associati a un rischio inferiore del 74% di sviluppare il diabete di tipo 2, rispetto ai partecipanti che svolgevano meno di 5 minuti di attività fisica.

Questo anche dopo aver tenuto conto di altri fattori, incluso il rischio genetico.

Un’altra scoperta convincente è stata che i partecipanti con un rischio genetico elevato, ma che erano nella categoria più attiva fisicamente, avevano un rischio inferiore di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto a quelli con un rischio genetico basso, ma nella categoria meno attiva.

Melody Ding, professoressa associata dell’autrice senior, del Charles Perkins Center e della Facoltà di medicina e salute, ha affermato che sebbene il ruolo della genetica e dell’attività fisica nell’insorgenza del diabete di tipo 2 sia ben consolidato, fino ad ora la maggior parte dei dati era auto-riportata e limitato. Evidenza che l’attività fisica può contrastare il rischio genetico.

“Non possiamo controllare il nostro rischio genetico e la nostra storia familiare, ma questa scoperta offre notizie promettenti e positive che attraverso uno stile di vita attivo si può ‘combattere’ l’aumento del rischio di diabete di tipo 2”.

L’attività fisica di intensità moderata descrive i movimenti che ti lasciano sudare e leggermente senza fiato, come la camminata veloce e il giardinaggio in generale, afferma il professore associato Ding.

La corsa, la danza aerobica, il ciclismo in salita o veloce e il giardinaggio pesante come scavare sono tutti esempi di attività fisica vigorosa che ti fa sussultare o iperventilare.

READ  JOHN DURHAM: Consigliere speciale che rappresenta se stesso e l'ex procuratore generale Bill Parry

Ricerca per aiutare a informare le linee guida sulla salute pubblica

Il diabete è un problema di salute pubblica globale. Nel 2021, 537 milioni di adulti in tutto il mondo avranno il diabete. Nel 2020, quasi 1,2 milioni di australiani vivranno con il diabete di tipo 2.

I risultati hanno un forte significato personale per il professore associato Ding, al cui padre è stato recentemente diagnosticato il diabete di tipo 2 sulla sessantina.

“La famiglia di mio padre ha una storia di diabete di tipo 2, quindi il risultato dello studio è molto felice per me e la mia famiglia. In qualità di persona già attiva, ora ho una motivazione in più per perseguire questo stile di vita attivo”, afferma il professore associato Ding.

“Speriamo che questo studio informi la salute pubblica e le linee guida cliniche in modo che possa aiutare gli operatori sanitari, le organizzazioni e il pubblico nella prevenzione delle malattie croniche”.

“Sono molto entusiasta di condividere i risultati della nostra ricerca con un pubblico più ampio per rendere le persone consapevoli che l’attività fisica può migliorare la salute, soprattutto per le persone ad alto rischio genetico. Se hai una storia familiare di diabete di tipo 2, o anche se non t, oggi è il giorno per iniziare ad essere fisicamente attivi”, ha detto il capo dello studio. dice il dottorando Mengyun (Susan) Luo.

A proposito di questa notizia sulla formazione e sulla ricerca genetica

Autore: Ivy Shi
Fonte: Università di Sidney
Contatto: Ivy Shih – Università di Sydney
Immagine: Il film è accreditato a Neuronews

Ricerca originale: Accesso libero.
Attività fisica specifica per intensità misurata dall’accelerometro, rischio genetico e diabete di tipo 2 incidente: uno studio prospettico di coorteMelodia Ding et al. Giornale britannico di medicina dello sport


Riepilogo

Attività fisica specifica per intensità misurata dall’accelerometro, rischio genetico e diabete di tipo 2 incidente: uno studio prospettico di coorte

READ  Il crollo della California Highway 1 lascia 2.000 turisti bloccati

obbiettivo

Sebbene 30 minuti al giorno di attività fisica di intensità moderata siano raccomandati per la prevenzione del diabete di tipo 2, le attuali raccomandazioni si basano esclusivamente su auto-segnalazioni e raramente considerano il rischio genetico. Abbiamo studiato le relazioni dose-risposta prospettiche tra l’attività fisica totale/intensità-specifica e il T2D incidente che rappresentava e stratificava per rischio genetico a diversi livelli.

metodi

Questo studio prospettico di coorte si è basato su 59.325 partecipanti della Biobanca del Regno Unito (età media = 61,1 anni nel 2013-2015). L’attività fisica totale/intensità è stata raccolta utilizzando accelerometri e collegata ai registri nazionali fino al 30 settembre 2021. Abbiamo esaminato il modello di associazione dose-risposta tra attività fisica e incidenza di T2D utilizzando spline cubiche aggiustate dal punteggio di rischio poligenico e stratificate. (basato su 424 polimorfismi a singolo nucleotide selezionati) utilizzando modelli di rischio proporzionale di Cox.

Risultati

Durante un follow-up mediano di 6,8 anni, c’era una forte associazione lineare dose-risposta tra attività fisica da moderata a vigorosa (MVPA) e T2D incidente, anche dopo aggiustamento per il rischio genetico. Rispetto ai partecipanti meno attivi, gli HR (IC 95%) per livelli più alti di MVPA erano: 0,63 (da 0,53 a 0,75) 5,3–25,9 min/die, 0,41 (da 0,34 a 0,51) 26,0–68,4 min/die e 6. (da 0,18 a 0,38) >68,4 min/giorno. Sebbene non sia stata trovata alcuna associazione moltiplicativa significativa tra misure di attività fisica e rischio genetico, abbiamo trovato una significativa associazione additiva tra MVPA e punteggio di rischio genetico, indicando maggiori differenze di rischio assoluto per livelli di MVPA tra quelli con rischio genetico più elevato.

Conclusione

La partecipazione all’attività fisica, in particolare MVPA, dovrebbe essere incoraggiata, specialmente in quelli ad alto rischio genetico di T2D. Non esiste un limite minimo o massimo per i benefici. Questa scoperta informerà lo sviluppo di linee guida e interventi futuri per prevenire il T2D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *