L’USDA afferma che la carne di vacca da latte condannata è risultata positiva al virus dell’influenza H5N1 ma non è entrata nella fornitura alimentare

Cynthia Goldsmith/CDC

L’USDA ha annunciato alla fine di marzo che una mucca da latte era risultata positiva all’influenza H5N1.



CNN

La carne di una mucca da latte tagliata dalla sua mandria e inviata al macello è risultata positiva per tracce del virus dell’influenza aviaria H5N1, ha detto l’USDA. dichiarato Venerdì, ma la carne della mucca non è entrata nelle scorte di cibo.

L’USDA ha affermato che le particelle virali del virus H5N1 sono state rilevate durante i test su vari tessuti, inclusi campioni del muscolo del diaframma, che si trova sotto i polmoni. Il test viene eseguito come parte standard del processo di ispezione alimentare, ha affermato l’USDA.

Gli esperti di malattie infettive di tutto il mondo sono in massima allerta da quando l’USDA ha annunciato il 25 marzo che una mucca da latte era risultata positiva all’influenza H5N1.

L’H5N1 è una forma altamente patogena di influenza aviaria che gli scienziati hanno osservato da vicino sin dalla sua scoperta nel 1996. Ha decimato le popolazioni di uccelli selvatici e gli allevamenti di pollame, ma infetta solo occasionalmente gli esseri umani. E così facendo è pericoloso: la metà delle 900 persone infettate in tutto il mondo negli ultimi due decenni sono morte.

Negli ultimi due anni, il virus è mutato e ha iniziato a infettare un crescente assortimento di mammiferi. Gli esperti non si sarebbero mai aspettati che il virus si manifestasse nelle mucche perché si pensava che le loro cellule non avessero i recettori adeguati per catturare i virus dell’influenza del ceppo A, ma così è stato. Si scopre che lo fanno.

READ  L'avvocato dice che la Lamborghini guidata dal capo Rashee Rice è stata coinvolta in un incidente

In questa epidemia, il virus compare spesso nel latte delle mucche da latte e provoca mastiti o infezioni della ghiandola mammaria. Le mucche smettono di produrre tanto latte, ma di solito si riprendono dopo alcune settimane.

È noto che due lavoratori agricoli statunitensi sono risultati positivi in ​​concomitanza con l’epidemia di vacche da latte in corso. In entrambi i casi il virus ha attaccato gli occhi provocando arrossamento e gonfiore, ma si sono ripresi.

Una mucca risultata positiva al virus H5N1 ha dimostrato che alcuni animali malati non vengono diagnosticati dopo una malattia sistemica. Suggerisce inoltre che i proprietari potrebbero non aver testato gli animali prima di macellarli, potenzialmente infettando altre mucche della mandria.

L’USDA ha affermato che la mucca morta il 22 maggio è risultata positiva al virus H5N1. L’agenzia ha informato i proprietari e sta rintracciando la mandria da cui proviene l’animale per ottenere maggiori informazioni.

Ricevi la newsletter settimanale di CNN Health

L’USDA afferma che i campioni prelevati da altre 95 mucche condannate perché malate sono risultati negativi al virus. Dal 22 maggio sono in corso i test su un’altra dozzina di campioni. Il test utilizzato dall’USDA, chiamato test di reazione a catena della polimerasi, o PCR, ha rilevato materiale genetico dal virus H5N1, ma non è stato in grado di determinare se il materiale fosse infettivo e abbia fatto ammalare qualcuno.

Precedenti test su campioni di carne bovina utilizzando un diverso ceppo del virus H5N1 hanno scoperto che il virus veniva ucciso quando gli hamburger venivano cotti ad almeno 145 gradi Fahrenheit o media. Cucinare hamburger a 120 gradi per rari, La quantità di virus attivo è stata significativamente ridotta, ma non lo ha ucciso tutto. L’USDA raccomanda già che gli hamburger vengano cotti a una temperatura interna di 160 gradi per uccidere agenti patogeni pericolosi come la salmonella e l’Escherichia coli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *