Michigan AG accusa i partecipanti alla cospirazione per frode elettorale del 2020



Cnn

Sedici elettori fraudolenti che hanno falsamente firmato dichiarazioni giurate affermando che il presidente Donald Trump ha vinto le elezioni del 2020 nel Michigan sono stati accusati di molteplici crimini, ha annunciato martedì il procuratore generale dello stato Dana Nessel.

Questa è la prima volta che un falso elettore è stato accusato di un crimine legato al programma, le cui versioni hanno avuto luogo in diversi stati.

Le 16 persone sono state accusate di otto conteggi ciascuna: due conteggi di frode, un conteggio di cospirazione per commettere frode, un conteggio di due conteggi di frode elettorale, un conteggio di cospirazione per commettere frode elettorale, un conteggio di pubblicazione di un record falso e un conteggio di cospirazione per pubblicare un documento falso.

Il gruppo di finti elettori del Michigan comprendeva funzionari statali attuali ed ex del GOP, un membro del Comitato nazionale repubblicano, un sindaco in carica, un membro del consiglio scolastico e sostenitori di Trump che erano querelanti in una causa frivola che cercava di ribaltare i risultati del 2020.

“Questo piano, che rifiuta la volontà degli elettori e mina la democrazia, è fraudolento e legalmente infondato”, ha detto Nessel in un video rilasciato martedì.

Nessel, un democratico, ha inizialmente deferito la questione ai pubblici ministeri federali del Dipartimento di giustizia. Ma ha riaperto le indagini dello stato a gennaio. Anche il consigliere speciale del Dipartimento di Giustizia Jack Smith sta indagando attivamente sulla cospirazione per frode elettorale e alcuni dei truffatori elettorali hanno testimoniato davanti al suo gran giurì.

La CNN ha contattato gli imputati per un commento.

READ  Twitter minaccia azioni legali contro l'app Threads

Michigan Era uno dei sette stati del campo di battaglia La campagna di Trump ha lanciato “falsi elettori” come parte del loro piano per minare il processo del Collegio elettorale e interrompere la certificazione del Congresso dei risultati delle elezioni del 2020 il 6 gennaio 2021.

16 falsi elettori del GOP del Michigan si sono incontrati a Lansing il 14 dicembre 2020 e hanno firmato certificati falsamente affermando che Trump aveva vinto lo stato e che erano elettori validi. Secondo i video della conversazione avvenuta mentre un vero gruppo di elettori democratici si stava incontrando all’interno dell’edificio, sono stati respinti dalla polizia quando hanno cercato di entrare nella Statehouse per consegnare documenti. Il presidente Joe Biden ha sconfitto Trump con 154.000 voti nelle elezioni del 2020.

Dal punto di vista della campagna Trump, questi erano elettori “alternativi” che avrebbero potuto in qualche modo sostituire gli elettori di Biden quando il Congresso ha contato i voti elettorali il 6 gennaio 2021, assegnando a Trump un secondo mandato. Tuttavia, una vasta gamma di esperti legali, inclusi molti alla Casa Bianca di Trump e nella campagna di Trump, hanno ritenuto il piano incostituzionale e illegale.

Gli accusati sono l’ex co-presidente del Michigan GOP Meshawn Maddock; l’attuale vicepresidente del Michigan GOP Marion Sheridan; Cathy Berton, membro del comitato RNC; Wyoming, Michigan, sindaco Kent Vanderwood; Stanley Grote, impiegato della municipalità di Shelby; Amy Facinello, membro del consiglio scolastico Grand Blanc; i funzionari locali del GOP Rose Rook e Mary-Ann Henry; i querelanti pro-Trump John Haggart e Timothy King; ha sconfitto i candidati del GOP Clifford Frost e Michele Lundgren; così come Hank Choate, James Renner, Mera Rodriguez e Ken Thompson.

READ  Twitter strisce dal segno di spunta del New York Times | Notizie sui social

La CNN ha riferito in precedenza che i funzionari della campagna di Trump, guidati dall’avvocato dell’ex presidente Rudy Giuliani, hanno supervisionato gli sforzi per introdurre falsi elettori in sette stati chiave, incluso il Michigan.

Una registrazione audio ottenuta dalla CNN all’inizio dello scorso anno mostrava uno degli elettori fraudolenti del Michigan, ora accusati, che si vantava che la campagna di Trump aveva orchestrato l’intera operazione.

“Abbiamo lottato per sederci alle urne. La campagna di Trump ci ha chiesto di farlo “, ha detto Meshon Maddock, co-presidente del Michigan Republican Party, in un evento pubblico organizzato all’epoca dal gruppo conservatore Stand Up Michigan.

Un comitato della Camera del 6 gennaio ha rivelato prove che Trump era a conoscenza del piano e che ha parlato direttamente con la presidente della RNC Rona McDaniel del Michigan. Ha testimoniato che Trump ei suoi alleati gli hanno detto che il piano degli elettori era importante, e l’RNC in seguito ha aiutato la campagna di Trump a raccogliere liste di elettori del GOP.

Gli investigatori federali dell’Office of Special Counsel hanno interrogato i testimoni chiave nella loro indagine separata sul ruolo degli alti funzionari di Trump nello schema di frode elettorale, ha riferito la CNN.

In un video pubblicato martedì che accompagna l’accusa, Nessel ha risposto ancora una volta alle accuse secondo cui le elezioni presidenziali del 2020 sarebbero state truccate, affermando che le elezioni nel suo stato erano “praticamente le stesse di tutte le precedenti elezioni presidenziali moderne”.

“Questi imputati potrebbero aver fatto affidamento su miti sfatati da tempo sulla frode degli elettori o sullo spreco di voti”, ha detto Nessel. “Potrebbero essersi sentiti obbligati a seguire l’invito all’azione di un presidente in cui credevano. Potrebbero aver creduto sinceramente che fosse il loro dovere patriottico.

READ  Scoot Henderson dei Trail Blazers, Amen Thompson dei Rockets fuori per infortuni nella partita della Summer League

Ha continuato: “Ma nessuna di queste ragioni o sentimenti fornisce una giustificazione legale per annullare la legge e sostenere la nostra Costituzione e i valori tradizionali della nostra nazione di governo rappresentativo, autodeterminazione e governo del popolo”.

Nessel ha affermato che il suo ufficio continuerà a indagare sugli sforzi per modificare le elezioni del 2020 e “non ha escluso potenziali accuse contro ulteriori imputati”. Ha anche anticipato gli attacchi che sicuramente arriveranno dagli alleati di Trump, che potrebbero dire che le accuse sono politicamente motivate.

“Ci saranno quelli che diranno che queste accuse sono di natura politica. “Ma quando le accuse sono così alte per così tanti crimini, la cosa più politica che posso fare come avvocato è non intraprendere alcuna azione”, ha detto Nessel.

Il massimo funzionario elettorale del Michigan, il segretario di Stato Jocelyn Benson, ha elogiato le accuse martedì, dicendo ad Anderson Cooper della CNN su “AC360” che si trattava di una “dichiarazione forte e audace” radicata in “fatti e legge”.

Benson ha continuato, guardando avanti alle elezioni del 2024.

Questa storia è stata aggiornata con rapporti aggiuntivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *