OpenAI afferma che Elon Musk ha tentato di connettersi con Tesla

Nei primi commenti pubblici sulla causa di Elon Musk contro OpenAI, l'influente laboratorio di ricerca sull'intelligenza artificiale, Mr. Musk ha detto di aver provato a trasformare il laboratorio in un'organizzazione no-profit prima di lasciare l'azienda all'inizio del 2018.

Commenti, A Blog Pubblicato martedì sera, Mr. Fa parte di una crescente battaglia tra Musk e OpenAI, che ora sta guidando il boom dell'intelligenza artificiale a livello di settore. Sig. La società ha detto che si muoverà per respingere tutte le accuse nella causa di Musk.

Sig. Venerdì Musk ha citato in giudizio OpenAI e il suo amministratore delegato, Sam Altman, accusandoli di aver violato il contratto promuovendo profitti e interessi commerciali per sviluppare l'intelligenza artificiale per il bene pubblico. Quando il laboratorio di intelligenza artificiale ha stretto una partnership multimiliardaria con Microsoft, ha affermato, ha abbandonato la sua promessa fondatrice di sviluppare attentamente l’intelligenza artificiale e condividerla liberamente con il pubblico.

(Il New York Times ha citato in giudizio OpenAI e Microsoft a dicembre, sostenendo la violazione del copyright dei contenuti di notizie relativi ai sistemi di intelligenza artificiale.)

Sig. Altman ha co-fondato OpenAI come organizzazione no-profit nel 2015. Il muschio ha aiutato; Greg Brockman, ex responsabile tecnologico della società di pagamenti Stripe; E molti altri ricercatori sull’intelligenza artificiale. Prima che il laboratorio fosse annunciato, Mr. Altmann e il Sig. Brockman intendeva raccogliere circa 100 milioni di dollari, ma Mr. Musk ha detto che avrebbe detto alla stampa e al pubblico che stava raccogliendo 1 miliardo di dollari e che avrebbe fornito finanziamenti aggiuntivi. Un'e-mail contemporanea è inclusa nel post del blog.

Per un commento, Sig. Musk non ha risposto immediatamente.

READ  Jay Powell afferma che la lotta all’inflazione della Federal Reserve “non è finita”

“Per evitare di apparire pessimisti, dobbiamo optare per una cifra molto più grande di 100 milioni di dollari”, ha scritto in una e-mail. “Nasconderò ciò che nessuno offre.”

Senza scopo di lucro Sig. Ha raccolto meno di 45 milioni di dollari da Musk e più di 90 milioni di dollari da altri donatori, ha affermato OpenAI nel suo post sul blog.

All'inizio del 2017, i leader di OpenAI includevano Mr. La società ha affermato che Musk era colui che poteva fare qualsiasi cosa con il cervello umano.

“Abbiamo tutti capito che avremmo avuto bisogno di molto capitale per riuscire nella nostra missione: miliardi di dollari all'anno, che era più di quanto chiunque di noi, in particolare Elon, pensava di poter raccogliere come organizzazione no-profit.” Il post sul blog diceva.

Sig. Quando Musk e gli altri fondatori di OpenAI accettarono di formare un'organizzazione senza scopo di lucro, Mr. Musk ha affermato di volere una quota di maggioranza nella società, il controllo iniziale del consiglio di amministrazione e un ruolo di amministratore delegato, ha affermato OpenAI. In mezzo alle polemiche, ha sospeso i finanziamenti all’organizzazione no-profit, ha detto OpenAI.

Gli altri fondatori non potevano accettare le sue condizioni perché credevano che dare a una persona il controllo completo dell'azienda sarebbe andato contro la sua missione, ha detto OpenAI. Secondo un'altra email inclusa nel post del blog, Mr. Musk ha suggerito di collegare OpenAI alla sua società di auto elettriche, Tesla.

“Tesla è l'unica strada che può sperare di reggere il confronto con Google”, si legge nell'e-mail. “Anche in questo caso, la probabilità di fungere da contrappeso a Google è piccola. Non è nullo.

READ  L'eredità delle star David Kornsvedt e Rachel Brosnahan - The Hollywood Reporter

Non condividendo più la tecnologia di base con il pubblico, Mr. Musk ha discusso il suo caso.

Il post sul blog di OpenAI includeva anche un'e-mail in cui Mr. Musk sembra riconoscere che man mano che l’azienda si avvicina allo sviluppo dell’AGI, deve iniziare a bloccare la tecnologia per evitare che causi danni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *