Putin afferma che l’economia russa è resiliente nonostante le sanzioni: ultime notizie dall’Ucraina

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha parlato in una conferenza stampa a Oslo questo mese.debito…Stian Lysberg Solum/Agence France-Presse — Getty Images

Venerdì i ministri della difesa della NATO hanno concordato i modi per avvicinare l’Ucraina all’alleanza militare, ha affermato il segretario generale dell’alleanza, ma a Kiev non sarà concessa la piena adesione al vertice dei massimi leader il mese prossimo.

La NATO ha valutato se ammettere l’Ucraina nell’alleanza per almeno 15 anni, e la sua potenziale adesione è più probabile di qualsiasi altro obiettivo al vertice annuale dell’alleanza a Vilnius, in Lituania.

“Tutti gli alleati concordano sul fatto che l’Ucraina diventerà un membro della NATO”, ha detto venerdì il segretario generale dell’alleanza, Jens Stoltenberg, in una conferenza stampa a Bruxelles. Ha rapidamente aggiunto: “Al vertice di Vilnius non discuteremo dell’invito, ma di come avvicinare l’Ucraina alla NATO”.

La questione dell’adesione dell’Ucraina ha diviso i membri dell’alleanza, con alcuni stati nel fianco orientale della NATO più vicini alla Russia, spingendo Kyiv a prendere impegni più forti per un’eventuale inclusione. Altri paesi, inclusi Stati Uniti e Germania, hanno segnalato di essere disposti a fornire all’Ucraina un impegno di sicurezza a lungo termine di armi, addestramento e sostegno politico, qualcosa che continuerebbe a ostacolare la Russia.

Ma alcuni stati sono riluttanti a includere l’Ucraina nell’alleanza militare, in parte a causa delle preoccupazioni per la corruzione locale a Kiev. Un’adesione immediata è improbabile nel mezzo di una guerra in corso con la Russia, poiché porterebbe la NATO in un conflitto diretto.

Venerdì si è conclusa a Bruxelles una riunione di due giorni dei ministri della difesa della NATO, con il gruppo che non è riuscito a raggiungere l’approvazione finale sui suoi grandi piani per rafforzare la sicurezza regionale. Per la prima volta dalla fine della Guerra Fredda, i piani sono stati rivisti, Mr. Stoltenberg ha detto in un duro avvertimento alla Russia dopo l’invasione su vasta scala dell’Ucraina dello scorso anno.

READ  È il momento critico per i colloqui del Credit Suisse mentre UPS cerca garanzie svizzere

Un funzionario della difesa occidentale ha attribuito le nuove obiezioni turche a una disputa di lunga data con altri stati sui nomi di luoghi nel Mediterraneo. Sig. Stoltenberg ha minimizzato il ritardo, prevedendo che i piani sarebbero stati approvati dai leader della NATO durante un vertice in Lituania il mese prossimo.

Sebbene l’adesione dell’Ucraina all’alleanza non sia mai stata politicamente fattibile in una guerra contro la Russia, gli stati membri hanno discusso sul tipo di garanzie di sicurezza che l’Occidente potrebbe offrire all’Ucraina.

Mentre l’Ucraina attende l’adesione alla NATO, il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd J. Austin III ha rifiutato di discutere specifiche garanzie di sicurezza. Ha detto che era anche concentrato sull’assicurare che la Svezia, un membro dell’alleanza, fosse bloccata dalla Turchia e fosse ammessa alla NATO.

“L’alleanza deve affrontare sfide storiche, ma le affrontiamo con fiducia e soprattutto con unità”, ha affermato il sig. disse Austin. “Non commettere errori, non saremo coinvolti nella guerra preferita di Putin, ma rafforzeremo la difesa e la deterrenza della NATO”.

Sig. Stoltenberg ha delineato come sarebbero i continui aiuti militari e il sostegno politico all’Ucraina, inclusa una possibile nuova squadra NATO per dare a Kiev una base in più come parte dei colloqui a Vilnius.

Ha detto che i piani di sicurezza regionali “metteranno in massima allerta 300.000 soldati” come parte degli sforzi della coalizione per rivitalizzare la sua strategia militare dopo la guerra in Ucraina. Ha anche notato che il numero di unità combattenti “dai Paesi Baltici al Mar Nero” che separa la Russia dai paesi della NATO a sud è raddoppiato nell’ultimo anno.

READ  Donald Trump è stato accusato. Ecco cosa sappiamo

I colloqui di venerdì si sono concentrati principalmente su come aiutare i produttori di difesa a soddisfare l’aumento della domanda di armi a seguito dell’invasione russa del febbraio 2022. Hanno anche esplorato come costringere gli Stati membri a spendere il 2% del loro prodotto interno lordo per la difesa nazionale – lunga spesa della NATO. Sebbene alcuni paesi, tra cui Germania e Lussemburgo, ne abbiano ancora meno.

Ma i paesi della NATO hanno continuato a spendere in aiuti militari all’Ucraina, con Germania e Gran Bretagna che si sono impegnate a inviare più armi venerdì. La Svezia ha annunciato che le sue forze armate aiuteranno ad addestrare le forze ucraine in sistemi missilistici, veicoli da combattimento e, cosa più importante, aerei da combattimento Gripen di fabbricazione svedese.

Il mese scorso, dopo più di un anno di richieste, gli Stati Uniti hanno accettato di insegnare ai piloti ucraini a pilotare jet F-16 di fabbricazione americana. Sig. Ciò ha consentito ad altri stati di fornire i propri aerei da combattimento all’Ucraina, anche se Stoltenberg ha affermato che non era ancora chiaro quando potrebbero essere consegnati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *