Sei stati del fiume Colorado hanno accettato di tagliare l’acqua. La California no

Commento

per quello Seconda volta In sei mesi, stati dipendenti Fiume Colorado Sembra che non siano riusciti a raggiungere un accordo sulla limitazione dell’uso dell’acqua per mantenere a galla le loro fattorie e città, creando la possibilità che il governo federale effettui tagli unilaterali entro la fine dell’anno.

Sei dei sette stati del bacino del fiume Colorado hanno elaborato una proposta congiunta su come soddisfare la richiesta del governo federale di tagli senza precedenti nell’uso dell’acqua. Due decenni di siccità Ha spinto i serbatoi critici a livelli pericolosamente bassi in Occidente.

Ma la California, il più grande utilizzatore di acqua, non si unisce a loro: un’impasse su come proteggere l’approvvigionamento idrico in diminuzione che serve 40 milioni di persone continuerà nei prossimi mesi. Il ministero dell’Interno ha chiesto agli stati entro martedì di presentare piani su come ridurre volontariamente l’uso dell’acqua da 2 a 4 milioni di piedi acri – o circa un terzo del flusso medio annuo del fiume.

“Ovviamente, non è andata a gonfie vele”, ha detto Jeffrey Gidlinger, ex direttore generale del Metropolitan Water District of Southern California, un fornitore di acqua che svolge un ruolo chiave nei colloqui. “Adesso è molto difficile”.

La proposta di sei stati – Arizona, Colorado, Nevada, New Mexico, Utah e Wyoming – mira a proteggere i bacini idrici chiave del lago Powell. Lago Mead Quando le dighe non sono più in grado di generare elettricità o si trovano in una “pozza morta”, impediscono efficacemente all’acqua di fuoriuscire da questi laghi di scendere al di sotto dei livelli critici. Il Bureau of Reclamation lo ha previsto in vista di nevicate superiori alla media nelle ultime settimane Lago Powell Tali limiti potrebbero iniziare a essere raggiunti quest’estate.

I funzionari temono il “giorno del giudizio totale” per il fiume Colorado colpito dalla siccità

Durante gli ultimi due decenni di siccità, soprattutto negli ultimi anni, la portata del fiume è diminuita, ma gli stati continuano a consumare più di quanto il fiume fornisca sulla base della struttura stabilita un secolo fa.

READ  L'omicidio di Adnan Syed accusato in un caso "seriale" ripristinato dal tribunale, ordina un nuovo processo

La proposta prevede nuovi tagli agli stati sud-occidentali a valle dei principali bacini idrici di Arizona, Nevada e California, nonché al Messico, che ha i diritti del trattato su una parte dell’acqua del fiume. La proposta comporterebbe tagli di circa 2 milioni di piedi per acri – l’estremità più bassa di ciò che il governo federale aveva chiesto – e il più grande per i maggiori consumatori di acqua: California e Arizona. Il documento raccomanda che la California, che detiene i diritti su 4,4 milioni di acri di piedi d’acqua, tagli più di 1 milione di acri di piedi man mano che il bacino idrico si restringe.

C’è la California Sarà data Devono essere ridotti solo 400.000 piedi acri. Un piede acro è sufficiente per coprire un acro con 326.000 galloni o un piede di profondità d’acqua. Il presidente del Colorado River Board della California, JP Hamby, ha dichiarato all’Associated Press in una dichiarazione che “lo stato è concentrato su soluzioni pratiche che possono essere implementate ora per proteggere la quantità di acqua immagazzinata senza conflitti e contenziosi”. proprio progetto.

Lunedì altri sei stati hanno presentato la loro causa in una lettera al Bureau of Reclamation.

Nell’ottobre 2022, il lago Powell era pieno per un quarto a causa di una storica siccità, che minacciava milioni di persone con l’elettricità proveniente dalla diga del Glen Canyon in Ariz. (Video: John Farrell/The Washington Post)

“Riconosciamo che negli ultimi vent’anni e più, dal sistema del fiume Colorado è uscita molta meno acqua di quanta ne sia stata rilasciata, e stiamo effettivamente esaurendo lo stoccaggio”, hanno scritto gli Stati. “Continueremo a lavorare con il governo federale e altri per raggiungere un consenso su come condividere al meglio l’onere di proteggere un sistema da cui tutti beneficiamo così tanto”, hanno aggiunto i rappresentanti dello stato.

“Questo progetto di modellazione è un importante passo avanti Conversazione continua “Continuiamo a cercare una soluzione collaborativa per stabilizzare il sistema del fiume Colorado nei sette stati del bacino”, ha dichiarato in una nota il direttore del Dipartimento delle risorse idriche dell’Arizona Tom Puschatzke.

READ  NFL Obbligatorio Minicamp Giorno 1: debutto di OBJ, assenza di Dix e Donald

Il recupero è un lavoro in corso Studi ambientali Come far funzionare le dighe di Glen Canyon e Hoover in condizioni di bassa marea Durante l’estate, il processo dovrebbe chiarire l’autorità legale del governo federale di effettuare tagli unilaterali alle assegnazioni idriche degli Stati.

Una delle tensioni centrali in questi complessi negoziati è come bilanciare i tagli tra le aree agricole e quelli nelle città, compresi i principali centri abitati. L’agricoltura utilizza l’80 per cento dell’acqua del fiume e gode di diritti molto anziani, alcuni risalenti al XIX secolo. Per come funziona questo “sistema di priorità”, i residenti di Phoenix perderanno acqua prima dei coltivatori di ortaggi a Yuma. I coltivatori di erba medica nelle valli Imperial e Coachella della California meridionale mantengono la loro acqua per le persone in alcune parti di Los Angeles.

Una città dell’Arizona interrompe l’approvvigionamento idrico di un quartiere a causa della siccità

Kightlinger, insieme a molti esperti e funzionari idrici, afferma che i tagli di questa portata e gravità dovrebbero essere distribuiti in base all’anzianità.

“Non possono seguire il sistema di priorità. Sarebbe un disastro. E quello: baseremo tutti i tagli sul nucleo dell’economia. Semplicemente non può essere realistico”, ha detto.

Ma i funzionari di questi distretti agricoli con diritti sull’acqua di vecchia data non sono disposti a rinunciarvi senza combattere o senza un compenso che soddisfi i loro bisogni.

Alex Cardenas, presidente del consiglio di amministrazione dell’Imperial Irrigation District, ha discusso dei diritti sull’acqua tra gli agricoltori della sua zona della California. confine con il Messico Precede la creazione del Bureau of Reclamation per gestire il sistema fluviale. Il suo distretto idrico utilizza circa 2,6 milioni di acri-piedi di acqua all’anno per irrigare 400.000 acri di terreno agricolo per l’erba medica, erbe e altre colture.

“Sosteniamo il sistema di priorità del fiume e comprendiamo che ci sono tagli dolorosi che le persone dovranno fare. Ma non fungeremo da riserva di emergenza per un’espansione urbana incontrollata e insostenibile”, ha affermato Cardenas.

Con l’avanzare dei negoziati negli ultimi mesi, l’Imperial Irrigation District si è offerto di ridurne l’utilizzo di 250.000 piedi acri, ovvero circa il 10%. L’amministrazione Biden ha contribuito a spianare la strada a quell’offerta impegno $ 250 milioni per progetti ambientali per affrontare le coste devastate dalla polvere intorno al Salton Sea, il lago più grande della California

READ  Baltimore Ravens 2023 Undrafted Free Agency Tracker

Cardenas ha affermato che la prospettiva di tagliare il 10% dell’economia agricola della regione da 5 miliardi di dollari significherebbe un grave dolore economico per una comunità che già soffre di un’elevata disoccupazione. Ma dal punto di vista di altri stati, anche quei tagli potrebbero non essere sufficienti.

I negoziatori hanno avuto una mano dalla natura per iniziare l’anno. La pioggia e le tempeste di neve che hanno colpito la California a gennaio hanno innalzato i livelli dei bacini idrici nello stato e hanno ricoperto le montagne della Sierra Nevada con il 210% di neve.T del normale Per questo periodo dell’anno. Le nevicate nelle Montagne Rocciose sono una delle principali fonti d’acqua che alimentano il sistema del fiume Colorado Più del normale Ma non come la California.

Le nevicate della California con l’aiuto dei fiumi atmosferici possono aiutare con la siccità

Ma le abbondanti piogge sono anche un’arma a doppio taglio, creando una sfida politica per i negoziatori che cercano di concordare tagli dolorosi, secondo gli analisti che seguono i colloqui.

“Se le gravi condizioni di siccità continuano, sarà più facile per loro vendere ulteriori tagli”, ha affermato Michael J. disse Coen. “Ma c’è questa percezione pubblica che ci siano inondazioni, e quando c’è stata così tanta acqua da queste recenti tempeste, perché dovremmo prendere misure aggiuntive?”

Mentre gli ultimi due anni hanno visto un sano accumulo di neve invernale nelle Montagne Rocciose, i livelli di deflusso al lago Powell sono rimasti una frazione del normale poiché il clima caldo prosciuga il paesaggio e assorbe più acqua prima che raggiunga il serbatoio. Il livello dell’acqua del lago Powell è sceso di circa un piede quest’anno e attualmente si trova a più di 33 piedi, dove la diga del Glen Canyon non può generare elettricità.

“C’è un problema con la secchezza. Ma più di questo c’è un problema con le regole”, ha detto Cohen.”Le regole che governano il sistema non sono statiche”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *