Il Napoli ha chiuso il suo spettacolare campionato battendo 2-1 il Crotone al San Paolo (condannando, tra l’altro, i calabresi alla retrocessione) e terminando a 91 punti in classifica. Mai, in Serie A, chi aveva scollinato quota 90 non aveva portato a casa il tricolore.

A fine partita c’è stata anche la provocazione di De Laurentiis (“A -4 lo scudetto lo scudetto può dirsi nostro. Non potevo rubare”) ma il passaggio più rilevante nelle dichiarazioni del presidente partenopeo è dedicato ovviamente alla situazione di Maurizio Sarri: “Se resta? Chiedetelo a lui. Io glielo chiedo ma non mi risponde, il suo agente mi dice “Boh…”. A me fa piacere tenerlo ma il tempo è scaduto. Non è detto comunque che vada via”.

E’ intervenuto poi lo stesso allenatore toscano a parlare del suo futuro. Che resta in bilico: “La verità è che nemmeno io so se sarò qui anche l’anno prossimo. A volte forse è meglio che le storie d’amore finiscano sul più bello. Il campionato è finito da 20 minuti, c’è da capire anche cosa può dare questo gruppo di più e se soprattutto si riuscirà a trattenere tanti ragazzi richiesti dai migliori club d’Europa. ADL ha fretta ed ha ragione, deve programmare. Domattina parlerò con la mia famiglia e deciderò il da farsi”.