Riuscirà Caleb Williams a dimenticare Chicago per la triste storia del quarterback dei Bears?

Ted Phillips non voleva farlo.

Non ha partecipato a quella chiamata Zoom con gli scrittori beat dei Chicago Bears nel gennaio 2021.

Ma ha detto. È stato perfetto.

“Abbiamo capito bene la situazione del quarterback? No”, ha detto Phillips dopo una stagione 8-8 nel 2020. “Abbiamo vinto abbastanza partite? No. Tutto il resto sì.

Questo riassume tutto, vero?

Newsletter di impulso

Aggiornamenti sportivi giornalieri gratuiti direttamente nella tua casella di posta. Iscrizione

Aggiornamenti sportivi giornalieri gratuiti direttamente nella tua casella di posta. Iscrizione

acquistareAcquista la newsletter di Pulse

Nel corso dei decenni, i problemi del quarterback di Chicago hanno portato a molte stagioni perse per i Bears. Dal 1966 (il primo anno dell'era del Super Bowl), i Bears hanno avuto 32 campagne perdenti rispetto alle 19 campagne vincenti.

L'elenco dei quarterback titolari in quel periodo farebbe arrossire i fan di Cleveland Browns. Giovedì, Caleb Williams della USC aggiungerà il suo nome alla storia tormentata dell'organizzazione e, come quelli prima di lui, promette di essere diverso. Ma lui è diverso. Sta andando al numero 1 in assoluto. Era il miglior QB consensuale nel football universitario. Può essere uno invece di un altro.

per andare più in profondità

Vai più in profondità

I Bears hanno occhi solo per Caleb Williams al numero 1; Possono andare sulla difensiva dopo?

Chicago ha chiesto prima.

Nei primi giorni del 2021, tra la partenza di Mitch Trubisky e l'arrivo di Justin Fields, Atletico I quarterback hanno condotto una serie sulla lunga e strana storia della squadra.

Considerato il focus esterno sul franchise, ora è il momento giusto per rivisitarlo.

READ  Apple ha annunciato un accordo multimiliardario con Broadcom

Sid Luckman e Johnny Lujack, e nel 1948, dopo il suo quarto titolo NFL degli anni '40, George Halas aveva una stanza da quarterback da invidiare a quei due e al futuro Hall of Famer Bobby Laine. Quattro anni dopo, se ne erano andati tutti. Il figlio di Sid, Bob, che vive ancora nella zona di Chicago, si arrabbia quando suo padre viene menzionato in una trasmissione nazionale. Quanti QB dell'era della Seconda Guerra Mondiale hanno ancora tempo in onda nel 21° secolo?

Nella nostra serie abbiamo scritto di Bill Wade, che vinse il campionato del 1963, e di Bobby Douglas, che avrebbe potuto essere speciale. Abbiamo parlato di Vince Evans, il primo quarterback titolare nero della squadra, e del suo sostituto, il primo pungente quarterback dei Bears, Jim McMahon.

Abbiamo analizzato lo scambio di Rick Mirror e cosa pensano di lui i backup di Jay Cutler. Abbiamo raccolto tutti i migliori giochi dei Bears QB e un resoconto condensato dei peggiori. Abbiamo chiesto all'ex centro Olin Grudge di nominare tutti i quarterback che ha licenziato.

È stato un viaggio nella memoria che nessuno aveva chiesto.

Quando i fan di lunga data dei Bears (precedenti agli anni di Mike Ditka) parlano dei vecchi tempi, citano con nostalgia Ed Brown e Rudy Bukich, Jack Concannon e Bob Avelini.


Da sinistra, Johnny Lujack, Sid Luckman e Bobby Lane posano durante i momenti migliori per i Bears QB nel 1948. (Stampa associata)

Per quanto mi riguarda, tifoso degli Steelers condannato a coprire i Bears per un peccato sconosciuto, non dimenticherò mai un vecchio Todd Collins che cercava di vincere una partita in Carolina o Mike Glennon che cercava di convincerci. Un'intera stagione del nuovo Trubisky. Ero lì quando una sala stampa ha riso di Jonathan Quinn e un dirigente dei Bears ha sparato un foglio di statistiche contro il muro dopo un'intercettazione di Cutler. Ho cercato di capire tutto.

READ  Contea di Broward, Florida: gravi inondazioni mentre l'area di Fort Lauderdale deve far fronte a precipitazioni record

Si potrebbe sostenere che l'era “QB or Bust” dell'azienda sia iniziata nel 2009, quando il GM Jerry Angelo ha scambiato per Cutler. Nelle 15 stagioni che seguirono, i Bears ebbero tre quarterback in franchising, tre stagioni vincenti e tre presenze nei playoff. Il loro record in quell'arco di tempo è di 107-136, che equivale a una percentuale di vincita di 0,440.

Cutler, Trubisky, Fields. Tutti avevano così tanta energia. Ognuno ha avuto i suoi momenti. Cutler detiene il record per la maggior parte degli orsi. Trubisky si è mostrato promettente fin dall'inizio. I campi hanno catturato la nostra immaginazione. Le loro eredità intrecciate saranno gli argomenti che inciteranno come quarterback dei Bears dell'era di Twitter.

Ora ecco che arriva Williams, il nuovo contendente per essere il salvatore Orange and Blue della franchigia fondatrice.

Mentre lo scambio di Fields è un gioco da ragazzi per il GM Ryan Poles, che lascerà il posto allo sviluppo della Williams, ci sono preoccupazioni. Giustamente o erroneamente, allenatori della NFL e analisti di calcio senza nome che cercavano di farsi un nome sollevavano domande sulla composizione di Williams, sulla sua personalità e, soprattutto, su come sarebbe stato il suo stile di sviluppo in un campionato. Star universitarie di alto livello.

Non sono stati solo i quarterback a fallire i Bears. Gli orsi se ne sono accorti. Scarsa formazione, disfunzioni organizzative, scadenze inadeguate, liste scadenti. Ci vuole un villaggio per distruggere un quarterback. Con questo in mente, i Bears sono pronti per avere successo con la Williams? COME AtleticoScritto da Bruce Feldman e Kevin Fishbein, ci sono domande.

Negli ultimi 15 anni, gli infiniti dilemmi del gruppo hanno dominato le conversazioni tra pari. Il tono di quelle discussioni variava dal delirante allo spiacevole. Il ciclo di speranza, verità, disperazione e cambiamento rimane ininterrotto.

Ma forse Williams è la persona giusta per cambiare la situazione. Ci sono segni. Sebbene i Bears si siano scambiati le scelte al draft per acquisire Cutler, Trubisky e Fields, indebolendo il roster, questa volta Boles sta scegliendo Williams con la scelta ottenuta da uno scambio esperto. Forse era un presagio.

Non credo che nessuno dei tre sia veramente a suo agio nella propria posizione. Al di là delle loro caratteristiche individuali, credo che l’autocompiacimento fosse dovuto al loro insuccesso. Cutler ha avuto due stagioni vincenti (il suo allenatore, Lovie Smith, è stato licenziato dopo la seconda), Trubisky ne ha avuta una e Fields… nemmeno lontanamente.

Essere il QB dei Bears non è cosa da persone sensibili o dalla pelle sottile. Porta il peso delle aspettative e il fardello della lunga e infelice storia di questa squadra.

Apparentemente Williams ha la personalità per affrontare la sfida e le capacità fisiche per avere successo. Ma per ora sono solo chiacchiere. Non sembra reale finché non lo vediamo.

Affinché i Bears vincano di nuovo, Williams dovrà essere il ragazzo che sognano dall'era di Luckman, Lujack e Laine. quarti di finale e vittoria. Riguarda la NFL. Tutto il resto è solo rumore di fondo.

(Foto dell'allenatore Matt Nagy che parla con Mitch Trubisky nel 2018: Patrick Gorski/ICON Sportswire tramite Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *