Il Milan tocca al Bentegodi di Verona il punto più basso (l’ennesimo) di una prima parte di stagione da dimenticare. I rossoneri sono stati travolti 3-0 dall’Hellas, penultimo, e subiscono la prima sconfitta in campionato nella gestione Gattuso. Una prestazione francamente imbarazzante, anche se il nuovo tecnico prova almeno a cercare qualche lato positivo.

“Fino alla mezz’ora, fino al loro vantaggio, avevamo la partita in pugno. Abbiamo chiuso il primo tempo con 10 tiri contro i 2 del Verona; ovviamente loro hanno meritato la vittoria e hanno sfruttato al massimo le nostre debolezze”, queste le parole di Gattuso che poi ci va giù duro: “In ogni caso è inutile girarci attorno, quella di oggi è una figuraccia e non possiamo che guardare avanti. Il gol del 2-0 ci ha tagliato le gambe, purtroppo in questo momento questa squadra non è in grado di reagire alle prime difficoltà”.

Gattuso non cerca neppure scusanti ad un crollo inspiegabile: “Se hanno influito i casi Uefa e Donnarumma? Mi farebbe comodo dire di sì, ma non è così. I giocatori percepiscono ogni mese lo stipendio, la società è presente e ci è vicina per qualsiasi tipo di problematica. La verità è che in campo spesso sembriamo confusionari e questo mi dispiace molto…”.