Drone USA: jet russi abbattono MQ-9 Reaper sul Mar Nero

(CNN) Un caccia russo Abbattuto con la forza un drone della US Air Force Un drone statunitense MQ-9 Reaper ha danneggiato la sua elica martedì sul Mar Nero, secondo l’esercito americano.

Un drone Reaper e due Su-27 russi stavano volando in acque internazionali sopra il Mar Nero martedì quando un jet russo è volato deliberatamente avanti e ha ripetutamente scaricato carburante sul drone senza pilota, ha detto una dichiarazione del comando europeo degli Stati Uniti.

L’aereo ha poi colpito l’elica del drone, spingendo le forze statunitensi ad abbattere il drone MQ-9 in acque internazionali. Il portavoce del Pentagono Brig. Il generale Patrick Ryder ha dichiarato martedì che l’aereo russo è volato “in prossimità” del drone per 30-40 minuti prima che si schiantasse poco dopo le 7:00 CET.

“Mentre il nostro aereo MQ-9 stava conducendo operazioni di routine nello spazio aereo internazionale, l’MQ-9 è stato intercettato e attaccato da un aereo russo, causando lo schianto dell’MQ-9 e la perdita totale”, ha dichiarato il generale dell’aeronautica militare James P. Hecker, comandante della US Air Force Europe e Air Force Africa, ha detto nella dichiarazione. “In effetti, questa azione pericolosa e poco professionale da parte dei russi ha quasi fatto schiantare entrambi gli aerei”.

L’incidente è la prima volta dalla Russia che aerei militari russi e statunitensi hanno avuto un contatto fisico diretto Ucraina invasa Un anno fa, e probabilmente per intensificare le tensioni tra i due paesi, gli Stati Uniti hanno definito le azioni della Russia “irresponsabili, rispettose dell’ambiente e poco professionali”.

L’ambasciatore russo negli Stati Uniti, Anatoly Antonov, ha detto che la Russia non voleva un “conflitto” tra il suo paese e gli Stati Uniti dopo essere stata convocata al Dipartimento di Stato in seguito all’abbattimento del drone.

READ  Tina Turner morta: ultime notizie e tributi dopo la morte della leggendaria cantante a 83 anni

“Vogliamo non creare una situazione in cui la Federazione Russa e gli Stati Uniti affrontino conflitti inaspettati o incidenti inaspettati”, ha detto Antonov.

“Non sicuro, poco professionale e irresponsabile”

Antonov, che è stato all’interno del Dipartimento di Stato per più di mezz’ora, ha detto all’Assistente Segretario Karen Danfried di aver espresso le preoccupazioni degli Stati Uniti per l’incidente e di “aver scambiato le nostre opinioni su questo tema perché abbiamo alcune divergenze”.

“Mi sembra che questo sia un dialogo costruttivo su questo tema. Ho ascoltato le sue opinioni e spero che capisca quello che ho detto”, ha detto Antonov in risposta a una domanda della CNN.

L’ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov parla ai giornalisti dopo l’incontro con l’Assistente Segretario di Stato per l’Europa Karen Danfried presso l’ufficio del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti a Washington, 14 marzo 2023.

Ha aggiunto che “la Russia ha informato di questo luogo che è stato identificato come zona di operazioni militari speciali”.

“Siamo stati avvertiti di non penetrare, di non penetrare”, ha detto, chiedendo come avrebbero reagito gli Stati Uniti se un drone russo si fosse avvicinato a New York o San Francisco.

Antonov ha ribadito la negazione dell’incidente da parte del ministero della Difesa russo. In una dichiarazione di martedì hanno negato che il jet russo fosse entrato in contatto con il drone, affermando che i caccia “si sono affrettati a identificare l’intruso” dopo aver individuato l’intruso nel Mar Nero e che il drone “è andato a sbattere contro un aereo senza guida”. Perdita di altezza”.

“Il drone ha volato con i suoi transponder, superando i confini del regime temporaneo dello spazio aereo stabilito per operazioni militari speciali, comunicando con tutti gli utenti nello spazio aereo internazionale e rilasciati in conformità con gli standard internazionali”, ha affermato il ministero.

READ  Le azioni della Paramount Global crollano del 7% tra le trattative di fusione, poi rimbalzano

Il presidente Joe Biden Il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan è stato informato dell’incidente martedì mattina, ha detto il coordinatore delle comunicazioni del Consiglio di sicurezza nazionale John Kirby. Ryder ha detto che i funzionari del Dipartimento della Difesa “non hanno parlato specificamente con i funzionari russi” dell’incidente.

Price ha affermato separatamente che gli Stati Uniti si stavano “impegnando ad alto livello con i nostri alleati e partner” riguardo all’incidente. Ha detto che gli Stati Uniti “non erano nella posizione di parlare di ciò che i russi volevano fare” con le manovre, ma alla fine l’intento era inferiore a “ciò che è realmente accaduto”.

In questa foto del 21 febbraio, un Reaper della 119th Wing MQ-9 dell’aeronautica statunitense sorvola l’aeroporto durante il Cobb North 23 presso la Anderson Air Force Base, Guam.

Kirby ha affermato che l’intercettazione di aerei statunitensi nel Mar Nero da parte di aerei russi è stata “insolita” e ha affermato che nelle ultime settimane ci sono state altre intercettazioni.

Ma ha detto che l’episodio di martedì è stato unico per quanto fossero “non sicure, poco professionali e sconsiderate” le azioni russe.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti sta attualmente declassificando le immagini dell’incidente, ha detto Ryder martedì. Ha anche affermato che la Russia non ha recuperato il drone abbattuto.

Parlando con Jake Tapper della CNN su “The Lead” martedì, Kirby ha dichiarato: “Gli Stati Uniti hanno adottato misure per proteggere le nostre azioni rispetto a quel particolare drone”.

“Non vogliamo vedere nessuno metterci le mani sopra al di là di noi”, ha detto Kirby. Ha aggiunto che gli Stati Uniti respingono le negazioni di responsabilità russe, aggiungendo che “tutto ciò che i russi dicono su ciò che i russi stanno facendo in Ucraina e dintorni dovrebbe essere preso con le pinze”.

READ  Aaron Judge rivela di essersi strappato un legamento dell'alluce e gli Yankees sperano di rivederlo nel 2023.

Aerei russi e americani operavano durante il Mar Nero Guerra in UcrainaMa questa è la prima interazione nota di questo tipo, un’escalation fatale in un momento cruciale della lotta.

Gli Stati Uniti hanno utilizzato droni Reaper nel Mar Nero sin da prima dell’inizio della guerra e hanno utilizzato droni spia per monitorare l’area. Secondo l’Air Force, i droni Reaper possono volare ad altitudini di 50.000 piedi e hanno la sensibilità e le capacità per raccogliere informazioni e condurre una sorveglianza a lungo raggio, rendendoli piattaforme ideali per monitorare i movimenti sul campo di battaglia e nel Mar Nero. .

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli.

Kevin Lipdock, Katarina Krebs e Radina Kikova della CNN hanno contribuito alla segnalazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *