Il bilancio delle vittime è aumentato a seguito di un nuovo terremoto al confine tra Turchia e Siria

  • Sei morti nell’ultimo terremoto che ha colpito la regione – CNN Turk
  • Il terremoto ha colpito mentre erano in corso le operazioni di soccorso in Turchia
  • Gli Stati Uniti si impegnano ad aiutare la Turchia “per tutto il tempo necessario”

ANTAKYA, Turchia, 21 febbraio (Reuters) – Sei persone sono morte in un terremoto lungo il confine tra Turchia e Siria, secondo quanto riportato martedì dalla CNN Turk. Migliaia di case.

Il terremoto di lunedì, questa volta di magnitudo 6,4, è stato centrato vicino alla città meridionale turca di Antakya ed è stato avvertito in Siria, Egitto e Libano. Ha colpito a una profondità di 10 km (6,2 miglia), ha detto il Centro sismologico mediterraneo europeo (EMSC).

CNN Turk ha mostrato una squadra di soccorso che sale una scala per entrare in un edificio dove alcune persone sono rimaste intrappolate dopo il recente terremoto. Si dice che il terremoto sia avvenuto quando le persone stavano cercando di recuperare gli effetti personali dall’edificio già danneggiato.

Il ministro della Sanità turco Fahrettin Koca ha dichiarato che 294 persone sono rimaste ferite nel terremoto di lunedì sera, di cui 18 gravemente ferite e portate negli ospedali di Adana e Tardiol.

Ultimi aggiornamenti

Guarda altre 2 storie

I pazienti sono stati evacuati da alcune strutture sanitarie in funzione dopo la massiccia scossa di due settimane fa, quando sono comparse crepe negli edifici, ha detto Coca su Twitter.

A Samanthak, dove lunedì l’agenzia per la gestione delle emergenze e dei disastri AFAD ha riportato un decesso, i residenti si sono preparati per altri edifici crollati, ma gran parte della città era già stata evacuata dopo le scosse iniziali. Cumuli di immondizia e mobili scartati fiancheggiano le strade buie e abbandonate.

READ  Il corpo dello chef personale di Obama è stato recuperato dal lago Martha's Vineyard

Muna Al Omar ha detto che era in una tenda in un parco nel centro di Antakya quando il terreno ha ripreso a riscaldarsi.

“Pensavo che la terra si sarebbe spaccata sotto i miei piedi”, ha pianto lunedì, cullando suo figlio di 7 anni tra le braccia.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha dichiarato lunedì in una visita in Turchia che Washington “impiegherà molto tempo” per gli sforzi di ripresa dopo il terremoto e le scosse di assestamento del 6 febbraio, e l’attenzione si è rivolta a questo. Ricovero e lavori di ricostruzione.

Il bilancio delle vittime in Turchia a causa dei terremoti di due settimane fa è salito a 41.156, ha detto l’AFAD lunedì, e si prevede che aumenterà ulteriormente, con 385.000 appartamenti noti per essere stati distrutti o gravemente danneggiati e molti altri ancora dispersi.

La costruzione di quasi 200.000 appartamenti nelle 11 province turche colpite dal terremoto inizierà il mese prossimo, ha dichiarato il presidente Tayyip Erdogan.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha annunciato che l’assistenza umanitaria totale degli Stati Uniti per i soccorsi in Turchia e in Siria ha raggiunto i 185 milioni di dollari.

Secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per la salute sessuale e riproduttiva, circa 356.000 donne incinte sopravvissute ai terremoti avevano bisogno di un accesso urgente ai servizi sanitari.

Includono 226.000 donne in Turchia e 130.000 donne in Siria, di cui circa 38.800 partoriranno nel prossimo mese. Molti di loro sono stati ospitati nei campi o esposti a temperature gelide e hanno lottato per procurarsi cibo o acqua pulita.

READ  Il CDC esorta le famiglie ad assicurarsi che i bambini ricevano il vaccino contro il morbillo durante le epidemie in alcune parti degli Stati Uniti

Aiuti alla Siria

In Siria, già dilaniata da più di un decennio di guerra civile, la maggior parte dei decessi è avvenuta nel nord-ovest, dove le Nazioni Unite hanno dichiarato che sono state uccise 4.525 persone. La regione è controllata dai ribelli in guerra con le forze fedeli al presidente Bashar al-Assad, complicando gli sforzi di aiuto.

I funzionari siriani affermano che 1.414 persone sono state uccise nelle aree controllate dal regime di Assad.

L’ente medico Medici Senza Frontiere (MSF) ha dichiarato che il suo convoglio di 14 camion ha lasciato la Turchia domenica per aiutare nelle operazioni di soccorso nella Siria nordoccidentale.

Il Programma alimentare mondiale sta inoltre facendo pressioni sulle autorità della regione affinché smettano di bloccare l’accesso agli aiuti dalle aree controllate dal governo siriano.

A partire da lunedì mattina, 197 camion che trasportavano aiuti umanitari delle Nazioni Unite sono entrati nel nord-ovest della Siria attraverso due valichi di frontiera, ha detto un portavoce dell’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari.

Migliaia di rifugiati siriani in Turchia sono tornati alle loro case nel nord-ovest della Siria e hanno contattato i parenti colpiti dal disastro.

Al valico di frontiera turco-Silvegozu, lunedì mattina presto centinaia di siriani si sono messi in fila per attraversare.

Mustafa Hannan, che ha detto di aver visto circa 350 persone in attesa, ha lasciato la moglie incinta e il figlio di 3 anni.

L’elettricista di 27 anni ha detto che la sua famiglia sarebbe partita per diversi mesi dopo che la loro casa ad Antakya è crollata, e ha accettato la promessa delle autorità di permettergli di trascorrere fino a sei mesi in Siria senza perdere l’opportunità di tornare in Turchia.

READ  Gannett, editore di USA Today, afferma che smetterà di utilizzare i contenuti AP

“Sono preoccupato che non gli sarà permesso di tornare”, ha detto. “Siamo già separati dalla nostra nazione. Saremo separati dalle nostre famiglie ora? Se ricostruisco qui non potranno tornare e la mia vita sarà persa”.

Relazione di Ali Kukukogmen e Henrid Sacker; Segnalazioni aggiuntive di Humeyra Pamuk, Huseyin Hayatsever, Ezgi Erkoyun in Turchia e Akriti Sharma a Bangalore; Di Parisa Hafezi e Stephen Coates; Montaggio di Lisa Shumaker e Lincoln Feist.

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *