Il FMI taglia le prospettive di crescita tra i nervosismi del sistema finanziario

WASHINGTON – L’economia globale affronta il rischio di una dolorosa recessione tra le preoccupazioni per il sistema bancario globale e l’aumento dei tassi di interesse che le banche potrebbero ridurre sui prestiti, ha dichiarato martedì il Fondo monetario internazionale.

L’avvertimento ha fatto seguito a settimane di turbolenze nel settore bancario globale, tra cui due fallimenti bancari negli Stati Uniti e un’acquisizione del Credit Suisse da parte di UBS, mediata dal governo svizzero. I timori che le corse agli sportelli si diffondessero nel sistema finanziario si sono attenuati nelle ultime settimane, ma permangono i timori che ulteriori fallimenti bancari e l’inasprimento degli standard creditizi possano smorzare la produzione economica in tutto il mondo.

Nel suo ultimo rapporto World Economic Outlook, il FMI ha leggermente abbassato le sue previsioni di crescita per il 2023 al 2,8% dal 2,9% di gennaio. La crescita per l’anno dovrebbe essere molto più lenta rispetto alle previsioni del FMI un anno fa, che prevedevano una produzione al 3,4%.

Le previsioni di crescita per Giappone, Germania e India sono state tutte ridotte dall’inizio dell’anno, quando il FMI ha dichiarato che una recessione globale era stata scongiurata.

Sia il FMI che la Banca mondiale hanno lanciato avvertimenti nelle ultime settimane che l’economia globale sta affrontando una stagnazione prolungata. Il FMI si aspetta che la crescita resti 3 per cento per i prossimi cinque anniQuesta è la previsione di crescita a medio termine più debole dal 1990.

Martedì, il FMI ha espresso fiducia nella possibilità di evitare una crisi finanziaria, ma si è lamentato del fatto che l’inflazione fosse ancora elevata e che l’economia globale fosse debole e si trovasse di fronte a un percorso “roccioso”. Ha suggerito che un cosiddetto atterraggio duro, che potrebbe far precipitare le economie di tutto il mondo nella recessione, fosse sempre più plausibile.

READ  Putin afferma che l'economia russa è resiliente nonostante le sanzioni: ultime notizie dall'Ucraina

“Un atterraggio duro, specialmente per le economie avanzate, è diventato un rischio molto più grande”, afferma il rapporto del FMI, aggiungendo: “La nebbia si è addensata sulle prospettive economiche globali”.

Le fosche previsioni arrivano mentre i massimi funzionari economici di tutto il mondo si riuniscono a Washington questa settimana per le riunioni primaverili del FMI e della Banca Mondiale. L’incontro arriva in un momento di maggiore incertezza mentre la guerra della Russia in Ucraina si intensifica, i prezzi rimangono ostinatamente alti in tutto il mondo e l’onere del debito nei paesi in via di sviluppo aumenta il disagio sulla prospettiva del rimborso del debito.

Il segretario al Tesoro Janet L. Yellen dovrebbe incontrare altri regolatori internazionali questa settimana per valutare la posizione dell’FMI. Un alto funzionario del Dipartimento del Tesoro ha affermato che un annuncio di una risposta unificata alle recenti turbolenze è improbabile e la signora Yellen ha pianificato di sottolineare la sua opinione secondo cui il sistema bancario statunitense è sicuro e stabile.

Il FMI ha aggiornato leggermente le sue previsioni per la produzione statunitense, che ora dovrebbe essere dell’1,6% nel 2023.

Gli economisti stanno ancora lavorando per valutare quali effetti potrebbero avere i fallimenti bancari sulla più ampia economia statunitense. Gli analisti di Goldman Sachs hanno scritto in una nota di ricerca questa settimana che le pressioni bancarie potrebbero ridurre i prestiti fino a sei punti percentuali e che le piccole imprese, che fanno molto affidamento sulle banche di piccole e medie dimensioni, sopporteranno il peso di una riduzione dei prestiti.

Il FMI ha attribuito la pressione sul settore finanziario alle banche con modelli di business che fanno molto affidamento sul perdurare di bassi tassi di interesse e che non sono riuscite ad adeguarsi al rapido tasso di crescita dell’ultimo anno. Mentre le turbolenze nel settore bancario sembrano essere sotto controllo, l’FMI ha osservato che gli investitori ei depositanti sono molto sensibili agli sviluppi nel settore bancario.

READ  Victoria Beckham: le Spice Girls si riuniscono...per il cinquantesimo compleanno di Bosch

Le perdite non realizzate presso le banche potrebbero portare a uno “scenario plausibile” di ulteriori shock che potrebbero avere un “impatto significativo sull’economia globale” se le condizioni del credito si restringessero ulteriormente e le imprese e le famiglie avrebbero ancora più difficoltà a contrarre prestiti.

“I rischi sono di nuovo nel dimenticatoio e enormi, a causa delle turbolenze finanziarie dell’ultimo mese e mezzo”, ha detto il capo economista del FMI Pierre-Olivier Gourinchas in un briefing prima della pubblicazione del rapporto.

Il FMI prevede che la crescita globale rallenterà all’1% quest’anno, nello scenario più estremo di un forte inasprimento delle condizioni del credito globale.

Il sistema finanziario non è l’unica nuvola che incombe sull’economia globale, sig. Gourinjas notato. Ci sono speranze per una forte crescita nella riapertura della Cina dopo rigide normative sulla pandemia, e i cambiamenti in tale politica potrebbero ridurre la produzione e interrompere il commercio internazionale, ha affermato. Allo stesso tempo, la guerra della Russia in Ucraina continua a minacciare l’affidabilità delle catene di approvvigionamento alimentare ed energetico.

Il FMI ha svolto un ruolo di primo piano nel tentativo di stabilizzare l’economia ucraina e questo mese ha finalizzato un pacchetto di prestiti da 15,6 miliardi di dollari per l’Ucraina, il primo programma di finanziamento per un paese coinvolto in una grande guerra. Ma nonostante gli sforzi occidentali per reprimere l’Ucraina e indebolire la Russia, il FMI ha alzato le sue prospettive per l’economia russa, prevedendo una crescita dello 0,7% quest’anno e dell’1,3% nel 2024.

Il FMI ha osservato che le esportazioni di energia della Russia rimangono forti, consentendole di sostenere la sua economia attraverso la spesa pubblica. Con i prezzi globali del petrolio in calo a causa dei timori di recessione, l’impatto degli sforzi degli Stati Uniti e dell’Europa per spingere i prezzi del petrolio russo oltre i 60 dollari al barile non è chiaro.

READ  Edwin Diaz si è infortunato al ginocchio mentre festeggiava una vittoria nel World Baseball Classic.

Anche se ha sottolineato i rischi per l’economia globale, il FMI ha esortato le banche centrali a continuare gli sforzi per controllare i prezzi, rimanendo pronte a stabilizzare il sistema finanziario.

“Questo è ancora alto rispetto agli obiettivi della banca centrale”, ha affermato il sig. Gourinjas ha parlato dell’inflazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *