Il peggior vertice democratico di Biden | Financial Times

Se c’è una grande lezione che l’America ha preso a cuore nel 21° secolo, è che la democrazia non è stata creata con la punta di una pistola. Il ventesimo anniversario dell’invasione dell’Iraq lo ha ricordato agli americani. Non ne consegue che lo spazio sicuro di Zoom sia migliore.

Il secondo vertice per la democrazia del presidente Joe Biden, che si svolge questa settimana, è virtuale e surreale. I partecipanti includono l’India, che sta per incarcerare il leader dell’opposizione Rahul Gandhi per diffamazione; Il presidente israeliano, Benjamin Netanyahu, vuole chiudere l’indipendenza giudiziaria; E il Messico, il cui presidente, Andrés Manuel López Obrador, sta cercando di porre fine a elezioni libere ed eque. La democrazia non ha bisogno di nemici a causa di tali amici.

Le intenzioni di Biden sono nobili, ed è degno di nota il fatto che né l’Ungheria né la Turchia, considerate democrazie liberali a Washington e nell’Europa occidentale, siano state invitate. Ma i metodi del presidente sono discutibili. Secondo V-Dem, un istituto di ricerca svedese, quasi tre quarti della popolazione mondiale ora vive in autocrazie che hanno meno di mezzo decennio. Questa inversione giustifica il termine “recessione democratica”.

È difficile credere che una Russia liberaldemocratica avrebbe invaso l’Ucraina. È difficile immaginare che il popolo di un’Ucraina autocratica stia lottando così duramente per la propria libertà come fa adesso. L’America ha ragione a pensare che diffondere la democrazia sia nel suo interesse nazionale. Il problema è che l’America non è molto brava in questo.

Da nessuna parte l’America ha speso più fucili e burro che in Medio Oriente. I rendimenti democratici sono quasi uniformemente negativi. La Tunisia, l’ultima convertita nel mondo arabo, ha recentemente perso un colpo di stato. La democrazia di Israele, nel frattempo, è in bilico. Ignora il fatto che lo stato-nazione ebraico non è esattamente democratico come i territori arabi che occupa.

READ  Catena di hamburger Eyes, posizione nello stato di Washington

Sarah Morgan, nominata da Biden per guidare gli sforzi della sua amministrazione su democrazia e diritti umani. Ha ripreso il suo nome A gennaio, dopo che i senatori hanno protestato per le sue critiche a Israele. Essere registrati come sostenitori della democrazia sembra uno strano rap contro la persona che fa il lavoro.

Il Piano Marshall per l’Europa del dopoguerra fu un successo assoluto nel promuovere la democrazia americana. Dal momento che il destino della democrazia sarà spesso deciso nel cosiddetto sud globale – parti del mondo che non sono in Occidente o nell’asse emergente Cina-Russia – sarebbe pratico chiedere loro cosa ne pensano.

A giudicare dal numero di votazioni delle Nazioni Unite, a molte persone non importa molto del destino dell’Ucraina. La loro risposta è che all’Occidente non importa molto dei loro conflitti. Durante i due anni di guerra civile nel nord dell’Etiopia, sono morte circa 600.000 persone. Sebbene Stime accurate del bilancio delle vittime Difficile arrivare dall’invasione su vasta scala della Russia dell’Ucraina, che è circa un quarto delle dimensioni dell’Etiopia. Notizie quotidiane in prima pagina della guerra ucraina; I problemi dell’Etiopia possono essere affrontati a pagina 14 ogni due mesi.

S Jaishankar come Ministro degli Affari Esteri dell’India, L’ho messo l’anno scorso: “L’Europa deve crescere partendo dalla mentalità secondo cui i problemi dell’Europa sono i problemi del mondo, ma i problemi del mondo non sono i problemi dell’Europa”. Ciò che Jaishankar intende veramente è, ovviamente, l’Occidente nel suo insieme. Ma proprio come Biden è stato attento a non menzionare l’arretramento democratico dell’India, è stato attento a escludere l’America. Ciascuno ha bisogno dell’altro per contrastare la Cina.

READ  Gordon E. Moore, co-fondatore di Intel dietro la Legge di Moore, muore a 94 anni

Qui diventa ancora più fangoso. Il trattamento riservato dall’India alla sua minoranza musulmana è tanto negativo quanto le politiche cinesi nello Xinjiang. C’è il Dipartimento di Stato americano Di nome Quest’ultimo “genocidio” è un’accusa potenzialmente grave. Ancora nessuna notizia da Washington su quanto sta accadendo in Kashmir.

Mentre l’Occidente si prende la briga di ascoltare, il ritornello costante del Sud del mondo è che hanno bisogno di più dollari per passare all’energia pulita, a infrastrutture migliori e all’assistenza sanitaria moderna. Quale delle due superpotenze, la Cina o gli Stati Uniti, ha più a che fare con il plasmare il loro futuro politico e l’allineamento della politica estera? Uno degli effetti collaterali dell’invasione russa dell’Ucraina ha portato alla ribalta questa pressante domanda.

La Casa Bianca di Biden sta cercando di realizzare un approccio americano coerente al Sud globale, ma i funzionari ammettono che è un lavoro in corso. La Cina ha pompato più denaro nel mondo in via di sviluppo di tutto l’Occidente messo insieme, con risultati sia positivi che negativi. È nelle loro mani che i Mali, le Cambogia e le Bolivia di questo mondo diventano democrazie. Il modo migliore per portarli su quel percorso è parlare di meno e ascoltare di più.

edward.luce@ft.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *