Il rappresentante Jorge Santos è stato incriminato in un’indagine federale del Dipartimento di Giustizia

(CNN) Un procedimento penale è stato registrato contro gli avvocati del governo centrale Il rappresentante di New York George SantosUn legislatore repubblicano le cui stupefacenti bugie e invenzioni hanno sbalordito anche i politici dal naso duro, secondo tre fonti vicine alla questione.

Santos dovrebbe comparire non appena mercoledì davanti al tribunale federale nel distretto orientale di New York, dove le accuse sono state depositate sotto sigillo.

L’esatta natura delle accuse non è stata immediatamente nota, ma i pubblici ministeri per l’integrità pubblica dell’FBI e del Dipartimento di giustizia a New York e Washington stanno indagando sulle accuse di false dichiarazioni nei documenti di finanziamento della campagna di Santos e altre affermazioni.

Un avvocato del Congresso ha rifiutato di commentare. I portavoce dell’ufficio del procuratore degli Stati Uniti di Brooklyn, del dipartimento di giustizia e dell’FBI hanno rifiutato di commentare.

Santos sarebbe tornato a New York martedì sera, saltando il voto serale della Camera, secondo una fonte a conoscenza della questione.

La portavoce di Santos, Nyssa Woomer, non ha risposto a una raffica di domande da parte dei giornalisti martedì pomeriggio e ha lasciato bruscamente l’ufficio DC del membro del Congresso con la sua borsa quando le è stato chiesto delle accuse federali contro di lui. Prima di lasciare l’ufficio, la CNN ha visto tre dipendenti di Santos andarsene improvvisamente con i loro bagagli. Non parlano quando gli viene chiesto un feedback.

Il nuovo membro del Congresso, eletto lo scorso anno per rappresentare il distretto che comprende parti di Long Island e Queens, è sotto inchiesta da più giurisdizioni e dal Comitato etico della Camera.

I massimi democratici, insieme ad alcuni repubblicani di New York, hanno chiesto le dimissioni di Santos per accuse che vanno dalla condotta criminale durante la campagna elettorale alla meschina disonestà personale che copre più di un decennio.

Il presidente della Camera Kevin McCarthy ha detto che esaminerà le accuse prima di decidere se pensa che Santos debba essere rimosso dal Congresso.

“Guardo le accuse”, ha detto martedì alla Galileus Web il repubblicano della California.

Santos è stato avvistato dalla CNN in Campidoglio il giorno prima mentre entrava e usciva dall’ufficio di McCarthy. L’oratore ha detto di non sapere perché Santos fosse lì e che il membro del Congresso non gli aveva parlato personalmente delle accuse.

READ  I dati sull'inflazione indicano una pausa della banca centrale sugli aumenti dei tassi

Durante il suo breve mandato, Santos è stato accusato di aver violato le leggi sul finanziamento della campagna elettorale, di aver violato le leggi federali sull’usura, di aver rubato denaro dal cane morente di un veterano della guerra in Iraq, di aver ideato un piano di frode con carta di credito e di aver mentito su dove andava a scuola. servito

Santos ha ammesso di aver fatto alcune false affermazioni sulla sua istruzione e sulla sua situazione finanziaria, ma continua a negare le accuse più gravi.

Durante la sua campagna di successo lo scorso anno, Santos ha corso secondo il playbook repubblicano di medio termine, attaccando il suo avversario democratico su criminalità e inflazione. La notizia ha fatto eco nei sobborghi di New York, dove i candidati del GOP hanno ribaltato quattro seggi e ottenuto una maggioranza esigua.

Ma il passato di Santos è stato sottoposto a un esame più attento, rivelando che gran parte della sua biografia ufficiale non era altro che finzione, poiché ha sempre più adattato il personaggio di un troll di destra.

Ha espresso il suo sostegno all’ex presidente Donald Trump e una volta ha affermato che i democratici “stavano cercando di vietare la carta igienica”.

Santos subisce alcune pressioni dal suo stesso partito

I repubblicani di New York hanno cercato di prendere le distanze da Santos, dicendo di non sapere nulla del suo losco passato e alcuni lo hanno ripetutamente esortato a lasciare l’incarico.

“Ribadisco la mia richiesta di dimissioni di Jorge Santos”, ha dichiarato in una nota il rappresentante di New York Mike Lawler. Lawler ha ribaltato il seggio detenuto dai democratici a nord di New York lo scorso anno e dovrebbe affrontare una dura sfida nel 2024.

I repubblicani dei distretti più conservatori erano meno espliciti.

La rappresentante di New York Nicole Malliotakis ha detto alla CNN: “Non sono sorpresa. Capisco dove sta andando”, ma non ha chiesto a Santos di dimettersi.

READ  Il tribunale respinge l'ultimo disperato tentativo della FTC di bloccare l'acquisto di Blizzard da parte di Activision da parte di Microsoft

“Mi piacerebbe vedere correre qualcuno di nuovo perché posso dirti che manterremo quel posto, quindi prima Santos esce, prima possiamo avere qualcuno che non bugiardi”, ha detto il repubblicano di Staten Island. .

I rappresentanti del GOP Ryan Zinke del Montana e Blake Moore dello Utah hanno indicato l’indagine del Comitato etico della Camera su Santos.

“Lascia che l’indagine etica avvenga, e se produce qualcosa, dovrebbe essere licenziato”, ha detto Moore.

Zinke ha detto alla CNN: “Se c’è un’accusa e l’accusa è vera, (il comitato etico) dovrebbe esaminarla”.

“Sono sorpreso che (Santos) sia arrivato così lontano”, ha detto Zinke, che si è dimesso dal suo incarico alla guida del Dipartimento degli Interni durante l’amministrazione Trump in mezzo a molti controlli. (Il rapporto di un ispettore generale in seguito scoprì che aveva abusato della sua posizione.)

Il rappresentante dell’Arkansas French Hill, che è vicino alla leadership della Camera GOP, ha detto che vuole vedere le accuse ma “credo che se un membro del Congresso è accusato di un crimine federale dovrebbe dimettersi”.

I democratici, nel frattempo, stanno cercando di scrollarsi di dosso l’imbarazzo di non esporre Santos e altri seggi vicini nel 2024 prima piuttosto che dopo in quella che promette di essere una corsa costosa per riconquistarli.

“Ora che Santos è stato incriminato, è dovere del presidente Kevin McCarthy rimuovere la macchia di Santos da questa sacra istituzione rimuovendolo immediatamente dal Congresso”, ha dichiarato il rappresentante di New York Daniel Goldman, procuratore federale e avvocato al primo impeachment di Trump. , si legge in una nota. “Non possiamo più aspettare”.

Le crepe nella facciata di Santos hanno fatto notizia per la prima volta a livello nazionale alla fine di dicembre 2022, quando il New York Times ha pubblicato una lunga indagine che ha messo in discussione gran parte della storia personale che ha venduto agli elettori durante la campagna. Tuttavia, ciò che seguì fu spesso più strano della finzione. Una serie infinita di nuove rivelazioni, dal furto di un cane a un allevatore Amish alle sue affermazioni passate di giocare a pallavolo universitario di alto livello.

READ  17 Ks di Ty Floyd, HR vincente di Kate Peloso Spark LSU a Game 1 Thriller in Florida

Man mano che le storie si accumulavano, ex amici e soci di Santos si sono fatti avanti e hanno iniziato a condividere storie sostenendo che le aveva derubate o travisato la sua situazione finanziaria e professionale. L’ex compagno di stanza del membro del Congresso ha detto alla CNN all’inizio di quest’anno che Santos ha mostrato segni di “manie di orgoglio” durante il loro tempo insieme.

“La verità è finalmente venuta fuori”, ha detto Gregory Morey-Parker, che ha anche accusato la Santos di averle rubato la sciarpa. Un’accusa come tante altre che Santos nega.

Può rimanere al Congresso

Le accuse, dal punto di vista legale, non pregiudicano lo status di Santos come membro del Congresso. Fatta eccezione per i divieti del 14 ° emendamento sulla condotta traditrice, nessuno dei requisiti della Costituzione per l’ufficio del Congresso esclude le persone sotto accusa o condanna penale dopo che un membro ha prestato giuramento.

In base alle regole formali per la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, secondo un rapporto del Congressional Research Service, “un membro messo sotto accusa può continuare a partecipare ai lavori e alle deliberazioni del Congresso”.

Tuttavia, se un membro è accusato di un reato punibile con due o più anni di reclusione, gli si consiglia di non partecipare alle votazioni in aula o in commissione secondo le regole della Camera.

McCarthy, quando gli è stato chiesto se avrebbe continuato a schierarsi con Santos, martedì ha detto alla CNN che la sua politica è di dimettersi dopo che un membro del Congresso è stato accusato. Si è dimesso dopo essere stato condannato Nascondere informazioni e rilasciare dichiarazioni false alle autorità federali in relazione a un’indagine su contributi elettorali illegali.

“Proprio come avevamo già fatto con Jeff Fortenberry, aveva la stessa capacità, l’ho rimosso dai comitati, ma è stato dichiarato colpevole, e poi gli ho detto che avrebbe dovuto dimettersi. Questa è la mia politica e i miei principi”, ha detto McCarthy.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli.

Tierney Snead, Manu Raju, Nikki Robertson, Haley Talbot e Jack Forrest della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *