La Corte Suprema ha annullato le mappe elettorali che hanno diluito il potere degli elettori neri

Corte Suprema, a Un risultato sorprendenteL’Alabama ha stabilito giovedì di aver diluito il potere degli elettori neri disegnando una mappa elettorale del Congresso in un distretto con la maggioranza.

Il giudice capo John G. Roberts Jr. ha scritto l’opinione della maggioranza con una decisione da 5 a 4. È stato raggiunto dal giudice Brett M. Kavanagh è stato raggiunto da tre membri liberali della corte, i giudici Sonia Sotomayor, Elena Kagan e Katanji Brown Jackson.

I sostenitori dei diritti di voto temevano che la decisione avrebbe minato il Voting Rights Act, ma invece ne è uscito illeso.

Il capo della giustizia ha scritto che c’erano legittime preoccupazioni che la legge “potesse elevare inammissibilmente la razza nella distribuzione del potere politico all’interno degli stati”. Ha aggiunto: “I nostri commenti di oggi non minimizzano né ignorano queste preoccupazioni. Dice semplicemente che una vera applicazione dei nostri precedenti e un’equa lettura dei documenti davanti a noi non li confermano qui.

Il caso fa parte di una lotta per la riorganizzazione distrettuale a livello nazionale. I leader dei diritti civili affermano che il processo di riorganizzazione spesso svantaggia le crescenti comunità minoritarie. Funzionari statali repubblicani affermano che la costituzione consente di considerare solo un ruolo limitato per la razza nell’estrazione dei distretti elettorali.

La causa è iniziata dopo che la legislatura dell’Alabama, controllata dai repubblicani, ha ridisegnato la mappa del Congresso per tenere conto del censimento del 2020.

Lo stato ha sette distretti congressuali e il 27% della sua popolazione in età di voto è nera. La nuova mappa mantiene un distretto con una maggioranza di elettori neri.

READ  Biden e Trump si radunano in Georgia nella rivincita del 2024

Mentre le altre sei contee dello stato sono rappresentate da repubblicani, la contea ha da tempo eletto un democratico.

Dopo che gli elettori neri e i gruppi di difesa hanno contestato la mappa ai sensi del Voting Rights Act, la storica legge sui diritti civili promulgata nel 1965 per proteggere gli elettori di minoranza, una giuria unanime di tre giudici del tribunale distrettuale federale di Birmingham lo ha stabilito La legislatura avrebbe dovuto disegnare il secondo distretto “dove gli elettori neri hanno la maggioranza per votare o qualcosa di simile”.

La decisione non firmata è stata unita Il giudice Stanley Marcus, che siede ordinariamente alla Corte d’Appello degli Stati Uniti per l’11° Circuito ad Atlanta ed è stato nominato dal Presidente Bill Clinton; e dai giudici Anna M. Manasco E Terry F. MorerSia il presidente Donald J. Nominato da Trump.

Il comitato ha scoperto che il voto nello stato era polarizzato dal punto di vista razziale e che si poteva disegnare un “secondo distretto ragionevolmente sorteggiato” per consentire agli elettori neri di eleggere candidati di loro scelta.

L’anno scorso, la Corte Suprema ha temporaneamente bloccato la sentenza di un tribunale di grado inferiore con un voto di 5 contro 4, assicurando che le elezioni del 2022 si sarebbero svolte utilizzando la mappa dell’Assemblea, un distretto con la maggioranza di elettori neri.

Nel 2013, a Contea di Shelby v. Titolare, la Corte Suprema ha effettivamente annullato la Sezione 5 del Voting Rights Act, che richiedeva l’approvazione federale per le modifiche alle leggi statali e locali sul voto in parti del paese con una storia di discriminazione razziale. Ma la sentenza ha rassicurato il pubblico sul fatto che la sezione 2 della legge avrebbe protetto i diritti di voto consentendo procedimenti giudiziari a posteriori.

READ  Raggiunto l'accordo provvisorio IATSE con studi e streamer

Nuovo caso dall’Alabama Alan V. Milligan, no. 21-1086Per quanto riguarda la sezione 2, ma nel contesto della ridefinizione.

La sezione 2 proibisce qualsiasi pratica di voto che “neghi o riduca il diritto di voto a qualsiasi cittadino degli Stati Uniti a causa della razza”. Ciò accade quando, “nella totalità delle circostanze”, le minoranze etniche hanno “meno probabilità di altri membri dell’elettorato di partecipare al processo politico ed eleggere i rappresentanti di loro scelta”, continua il provvedimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *