Ritiro di Aaron Donald: il suo dominio non ha eguali nella NFL

Entrando nel suo ottavo Durante la stagione della NFL, al difensore Aaron Donald mancava uno dei suoi successi: un anello del Super Bowl.

Quando lui e i Los Angeles Rams hanno raggiunto il Super Bowl LVI nella stagione 2021, Donald ha sigillato la vittoria con una delle giocate distintive dei suoi 10 anni di carriera, conclusasi venerdì quando ha annunciato il suo ritiro.

Al quarto down con un gioco da tre punti, Donald fece pressione sul quarterback dei Cincinnati Bengals Joe Burrow e forzò un passaggio incompleto per completare la vittoria per 23-20 dei Rams. Anche la sua celebrazione sarà ricordata: correva con le braccia tese, poi indicò con l'anulare sinistro il punto in cui sarebbe andato il suo primo anello del Super Bowl.

Ma anche prima di quel titolo, Donald aveva dominato gli attacchi, guadagnandosi tre premi NFL come Difensore dell'anno, il massimo nella storia della NFL. L'anello del Super Bowl LVI è l'ultima casella da controllare per una carriera che alla fine vedrà il busto di Donald a Canton, Ohio.

Lo ha detto a ESPN l'allenatore degli Atlanta Falcons ed ex coordinatore difensivo dei Rams Raheem Morris. “Non solo perché l'ho allenato. L'impatto che ha avuto sul gioco, l'impatto che ha avuto all'interno, quello che è stato in grado di fare. [Hall of Famers] Lawrence Taylor… Joe Green “medio”. È su quel percorso di carriera.”

Scelto 13esimo da Pitt dai St. Louis Rams nel 2014, Donald ha stabilito il record di franchigia dei Rams con 111 licenziamenti in carriera. È stato selezionato per il Pro Bowl in tutte e 10 le sue stagioni NFL ed è stato nominato All-Pro della prima squadra in otto. Donald è stato anche il Difensore dell'anno 2014.

Secondo ESPN Stats and Information Research, Donald è uno dei soli due giocatori difensivi dalla fusione AFL-NFL del 1970 ad aver ottenuto una selezione Pro Bowl nelle prime 10 stagioni NFL, insieme a Taylor (10).

Secondo l'Elias Sports Bureau, Donald e Barry Sanders sono gli unici giocatori nella storia della NFL ad aver giocato almeno 10 stagioni ed essere selezionati per il Pro Bowl in ogni stagione. Sanders giocò tutte e 10 le stagioni, ritirandosi nel 1998.

Morris aveva la sensazione che Donald avesse “fatto tutto ciò che si era prefissato di fare” sul campo di calcio.

READ  Gli elettori del Wisconsin approvano la misura per limitare il finanziamento elettorale privato

“Non posso dire di essere sorpreso, ne vale comunque la pena perché ha molto di più”, ha detto Morris. “In un certo senso ti dà la sensazione di Gale Sayers, Barry Sanders che se ne va quando un ragazzo non ha davvero bisogno di andarsene. È ora per lui.”

Nonostante abbia dimostrato di poter ancora giocare ai massimi livelli del campionato e abbia ottenuto un altro cenno al Pro Bowl nel 2023, Donald sembra pronto per qualunque cosa accada dopo la sua leggendaria carriera calcistica.

“Durante la mia carriera, ho dato tutto me stesso mentalmente e fisicamente al calcio, 365 giorni all'anno dedicati a diventare il miglior giocatore possibile”, ha scritto Donald nel suo annuncio. “…Mentre rivolgo la mia attenzione a un nuovo capitolo, non sono sicuro di cosa riserva il futuro, ma sono entusiasta delle opportunità fuori dal campo.”

uno sguardo È facile dire che Donald e lui avevano gli attributi fisici per dominare la linea di scrimmage. I suoi allenamenti presso la struttura dei Rams sarebbero rimasti leggendari, e gli esordienti spesso pensavano – o almeno speravano – di poter continuare.

Il direttore della forza e del condizionamento di Ram, Justin Lovett, aveva un elenco di 15 nomi sulla lavagna del suo ufficio. “AD's Body Count” è un elenco di giocatori che hanno provato e non sono riusciti a completare un allenamento con Donald da quando Lovett è stato assunto nel 2020. Durante il training camp nel 2023, furono aggiunti i nuovi difensori Kobe Turner e Dejuan Johnson. elenco.

Turner, che ha guidato i debuttanti della NFL nei licenziamenti la scorsa stagione, ha provato a eguagliare Donald in una delle prime settimane di training camp. Il nose tackle ha detto che stava facendo alcuni esercizi con Donald “a un ritmo più lento”. Ma a metà del secondo giorno, ha avuto un attacco.

“Sono stato inserito nel roster quel giorno”, ha detto Turner a settembre. “Ma è ridicolo. È sempre lì, al mattino, sempre dopo gli allenamenti. È impossibile provare a tenere il passo, ma vale sicuramente la pena lottare.”

Con un'altezza di 6 piedi e 1 e 280 libbre, la forza senza pari di Donald nella sala pesi si è tradotta sul campo.

“È la sua forza insieme alle sue dimensioni. L'ho osservato. Non è così grande. E poi è più veloce di qualsiasi finale difensivo ed è più forte di qualsiasi contrasto difensivo”, ha detto la guardia dei New York Giants Justin Buck, 2022.

“Ha questa caratteristica rara che è inaudita all'interno. E la maggior parte delle volte pensi ai linebacker interni come grandi, grassi, stopper. Ha cambiato quella posizione. E l'ha cambiata e ha ottenuto molto. I ragazzi hanno pagato per giocare quella posizione .”

Parte di ciò che ha reso il successo di Donald così impressionante è stata l'attenzione che ha ricevuto dalle difese avversarie. Negli ultimi cinque anni, Donald ha giocato 1.510 volte in doppietta come pass-rusher, 135 in più di qualsiasi altro giocatore, secondo le statistiche ESPN Analytics/NFL Next Gen. Ha segnato 186 in 2,5 secondi, 51 in più di qualsiasi altro giocatore (Chris Jones era secondo con 135).

READ  Raggiunto l'accordo provvisorio IATSE con studi e streamer

“Cerchi sempre di mettergli quattro mani addosso, e lui lo sa, e vincerà comunque,” ha detto Morris. “E trasforma quelle doppie squadre in due squadre separate. E si prende il suo tempo, non sbaglia mai con le mani e può gestire te e ciò che vuoi fare di sbagliato.

“Lui sa cosa vuoi fare. E se ha la possibilità di restare, trova il modo di affrontarti uno contro uno quando commetti un errore, e te lo fa pagare in malo modo.”

Negli ultimi cinque anni, il tasso medio di successo della NFL nei passaggi di corsa contro un singolo bloccante è stato del 17% per ogni corridore qualificato. Donald ha registrato una percentuale di successo di pass rusher del 18% contro squadre doppie in quell'arco di tempo, rendendolo migliore contro due pass-blocker rispetto alla media di un pass-rusher negli ultimi cinque anni.

“Ti fa pagare per le giocate che cambiano il gioco”, ha detto Morris. “Questo è il genio e la bellezza di Aaron Donald.”

Pianificazione del gioco vs Donald è stato uno degli incarichi più difficili per un allenatore avversario.

La ferocia di Donald fa sì che i quarterback avversari vogliano sbarazzarsi della palla più velocemente che mai, ha detto Morris, definendo “terrificante” allenarsi contro il futuro Hall of Famer.

“Hai fatto tutto il possibile nel piano di gioco per non eliminarlo dal gioco o rovinare il gioco”, ha detto Morris. “E la prima giocata della partita è quella che chiami scutt [with five offensive linemen blocking] Gli passi la difesa e lui colpisce il tuo quarterback con un drop di tre passi. Dici, è orribile, sarà una giornata infelice.”

E il quarterback dei Rams Matthew Stafford ha detto che era un problema per i suoi compagni di squadra in campo quando provavano ad allenarsi perché lui “ascoltava sempre”.

“È un giocatore intelligente”, ha detto Stafford in ottobre. “Sente le nostre chiamate.”

Durante un allenamento del venerdì della scorsa stagione, Stafford si è scontrato con la difesa dei Rams e ha chiesto che la difesa raddoppiasse. Donald è andato dall'altra parte. Stafford ha annullato la chiamata. Donald “si alzò e salì”.

READ  Microsoft scatenerà un’ondata di computer basati sull’intelligenza artificiale?

“Ho detto: 'Non mi interessa raddoppiarlo'”, ha detto Stafford. “Lui sa cosa mi aspetta. Sto cercando di trovarlo e aiutarlo. Ognuno ha piani diversi al riguardo, che si tratti di scheggiare la difesa o di mandare il centro nella sua direzione. Questo. Sono sicuro che l'ha visto tutti e ho trovato un modo per batterli tutti. .”

Donald era così dominante sul campo di pratica che stava “assolutamente distruggendo le pratiche”, ha detto Morris. “E devi portarlo là fuori per fare alcune cose in attacco. E poi quando arriverai alla partita, sarà divertente per lui.”

Donald poi si ritira Dopo aver trascorso tutta la sua carriera nella NFL con i Rams, è diventato rapidamente il volto della franchigia, soprattutto durante alcuni anni magri, quando la squadra ha assunto Sean McVay come capo allenatore nel 2017 e ha acquisito Stafford nel 2021.

Mentre il suo impatto sulle statistiche e sulle partite sarà il suo biglietto da visita nella Hall of Fame, quelli all'interno dell'edificio dei Rams nel 2023 ricorderanno Donald per qualcos'altro.

La scorsa offseason, Donald si è incontrato con il direttore generale dei Rams Les Snead, McVay e il vicepresidente Tony Pastores per discutere le imminenti modifiche al roster di Los Angeles nel 2023. I Rams sapevano che avrebbero “perso ragazzi che erano grandi contributori”. Se Donald decidesse di giocare quella stagione, il roster apparirà diverso rispetto alle difese precedenti.

La reazione di Donald durante quell'incontro ha risuonato con Snead.

“Guardati negli occhi e dì: 'Ecco il patto… sto bene [to continue playing]Assicurati che si preoccupino di loro”, ha detto Snead.

Donald era entusiasta del giovane roster che i Rams gli avevano costruito attorno durante il draft. Morris ha visto l'entusiasmo della giovane squadra, ma nella settimana 13 contro i Cleveland Browns, Morris ha visto Donald e Turner uscire dal campo abbracciandosi dopo aver condiviso un sack e una safety.

“Non ho mai visto Aaron mostrare quel tipo di emozione, essere semplicemente sprezzante con questo ragazzo e provare solo un'esuberanza giovanile per lui”, ha detto Morris. “Ha davvero mostrato l'impatto di chi era e di cosa stava cercando di fare. Ho pensato che fosse grandioso.”

Turner e la scelta del terzo giro Byron Young: Donald lascia una difesa che aveva due debuttanti con almeno otto licenziamenti nella NFL. Per coloro che ancora si chiedono cosa facesse sempre in campo, il ritiro di Donald dopo la corsa ai playoff dei Rams potrebbe essere stato uno shock e il veterinario sembrava ringiovanito. Ma l’obiettivo potrebbe essere quello di uscire forte come è entrato.

“Non penso che voglia vedere un crollo completo in questo gioco in uscita”, ha detto Morris. “Non vuole essere un vecchio veterano dei Grizzly che lotta per farsi strada nel gioco. Penso che voglia sempre dominare.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *