Spedizione OceanGate: i detriti sparsi sul fondo dell’oceano possono fornire indizi sugli ultimi momenti dell’affondamento del Titanic.



Cnn

Gli investigatori continuano a cercare nel fondo dell’oceano per capire come si è verificata la “catastrofica esplosione”. Uccidendo tutti e cinque i passeggeri Un sottomarino diretto al Titanic ha improvvisamente perso il contatto con la sua nave madre durante il fine settimana, hanno detto i funzionari.

Uno sforzo di ricerca internazionale di un giorno si è concluso giovedì dopo che i detriti di un sottomarino chiamato Titan sono stati trovati a circa 1.600 piedi dallo storico relitto del Titanic. Esperti militari hanno trovato il relitto coerente con una catastrofica perdita della camera di pressione della nave, ha annunciato il contrammiraglio della guardia costiera degli Stati Uniti John Mager.

Segui gli aggiornamenti in tempo reale

IL I passeggeri sono stati uccisi un uomo d’affari pakistano e suo figlio Shahjata e Sulaiman Dawood; L’uomo d’affari britannico Hamish Harding; il subacqueo francese Paul-Henri Narcolet; e Stockton Rush, CEO dell’operatore della nave, OceanGate Expeditions.

I veicoli gestiti a distanza verranno utilizzati per mappare il campo di detriti della nave a più di 2 miglia di profondità nell’Oceano Atlantico settentrionale mentre i funzionari lavorano per determinare la tempistica e le circostanze dell’incidente, ha affermato Mauger.

I funzionari non hanno ancora determinato con certezza se la catastrofica esplosione sia avvenuta nel momento in cui il sottomarino ha smesso di comunicare circa 1 ora e 45 minuti dopo, ha detto Mauger.

Tuttavia, un alto funzionario della Marina ha detto alla CNN che una revisione della Marina dei dati acustici di domenica ha rilevato “un’anomalia coerente con un’esplosione o un’esplosione” nell’area generale in cui il Titan si stava immergendo.

L’informazione è stata “immediatamente” condivisa con i comandanti della scena che dirigevano lo sforzo di ricerca e utilizzata per restringere l’area di ricerca, ha detto il funzionario. Oli era “poco convinto” e “ha deciso di continuare la nostra missione di ricerca e soccorso e fare ogni sforzo per salvare vite a bordo”.

Quando è iniziata la ricerca, gli equipaggi hanno tenuto boe sonar sull’acqua “quasi continuamente” e non hanno rilevato “eventi catastrofici”, ha detto Mauger.

Quando gli è stato chiesto se i resti dei membri dell’equipaggio sarebbero stati recuperati, Mauger ha notato che c’era un “ambiente incredibilmente spietato”, ma ha aggiunto che “non ho una risposta alle possibilità in questo momento”.

Tuttavia, un esperto medico ha detto ad Anderson Cooper della CNN che l’esplosione in acque profonde non avrebbe lasciato alcun residuo recuperabile.

La dottoressa Eileen Marty, specialista in medicina dei disastri presso la Florida International University, ha spiegato. “È altamente improbabile che trovino qualcosa nel tessuto umano.”

Il viaggio è un’esperienza irripetibile “davvero straordinaria” e parte di un settore in crescita. Viaggi avventura per i super ricchi. Un posto sul viaggio costa $ 250.000 per passeggero Versione archiviata dei webcast di OceanGate.

Ma la tragedia è stata oggetto di un aggiornamento sulle operazioni di OceanGate e sullo sviluppo del velivolo Titan da 23.000 libbre.

Il co-fondatore di OceanGate Guillermo Sohnlein ha dichiarato giovedì che la morte dei membri dell’equipaggio è stata “una tragica perdita per le famiglie e la comunità oceanografica in generale”, sottolineando il pericolo insito in tali spedizioni.

“Le persone nella comunità che lavorano a quella profondità sanno che è sempre un rischio”, ha detto Sonlein alla CNN. “Se c’è un guasto, la pressione è così bassa che si tratta di un fallimento istantaneo e catastrofico”.

Da OceanGate/FILE

Il sommergibile OceanGate Titan è mostrato in una foto non datata.

Come OceanGate Domande sulle sue operazioni e pratiche di sicurezza Sulla scia della fatale esplosione di Titan, giovedì Sohnlein ha difeso l’approccio della compagnia alla progettazione e al dispiegamento della nave.

Sohnlein ha affermato di avere “piena fiducia” nel co-fondatore Rush, che in precedenza aveva espresso scetticismo sulle normative che potrebbero rallentare l’innovazione.

“Ho infranto alcune regole Per farcela”, ha detto Rush al travel blogger di Titan Alan Estrada nel 2021.

Rush non è un “risk taker”, è un “risk manager”, ha detto Sohnlein.

“Non lo sapremo fino a quando le indagini non saranno terminate e tutti i dati saranno raccolti, quindi mi riservo di giudicare”, ha detto Sonlein. “Ma lo conosco da 15 anni e niente di tutto questo mi farà cambiare idea”.

Almeno due ex dipendenti di OceanGate Ha espresso preoccupazioni per la sicurezza La CNN ha riferito sullo sviluppo dello scafo della nave diversi anni fa, comprese le procedure di test e lo spessore del suo telaio in fibra di carbonio.

Inoltre, l’incertezza dopo l’immersione di prova su Titano del 2021 ha portato l’ospite di “Expedition Unknown” di Discovery Channel Josh Gates e il suo equipaggio a decidere di non filmare parte della nave perché “avevamo molta richiesta in quel momento. Dobbiamo lavorare insieme al partner”, ha detto.

“Molti dei sistemi hanno funzionato, ma molti di loro non hanno funzionato davvero. Abbiamo avuto problemi con i propulsori e il controllo del computer e cose del genere”, ha detto Gates.”Alla fine, è stata un’immersione impegnativa”.

Secondo gli atti del tribunale, la compagnia è stata afflitta da problemi meccanici e condizioni meteorologiche avverse che l’hanno costretta a cancellare o ritardare i viaggi negli ultimi anni.

Le difficoltà hanno portato a un paio di cause legali in cui alcuni clienti ben pagati hanno cercato di recuperare il costo delle escursioni che hanno dichiarato di non aver effettuato e hanno accusato la compagnia di aver esagerato la loro capacità di raggiungere il relitto del Titanic.

OceanGate non ha risposto alle richieste in tribunale e non è stato possibile raggiungerlo per un commento.

Estratto dalla CNN

Da sinistra, Hamish Harding, Shahjata Dawood, Sulaiman Dawood, Paul-Henri Narjolet e Stockton Rush.

Oltre a Rush che ha diretto la missione Titan, vittime Il duo comprendeva due analisti senior e un duo padre-figlio di un’importante famiglia di imprenditori pakistani.

Secondo il sito Web archiviato di OceanGate, il famoso subacqueo francese Paul-Henri Narjolet è stato incaricato di essere un esperto di contenuti che avesse familiarità con il relitto del Titanic.

Narjolet è stato direttore della ricerca subacquea presso RMS Titanic Inc si riserva diritti esclusivi Per recuperare artefatti dalla nave. Ha eseguito 35 immersioni al relitto e ha supervisionato il recupero di 5.000 manufatti, secondo la sua biografia sul sito web della compagnia.

La famiglia del subacqueo lo ha ricordato come un padre e un marito affettuoso che “sarà ricordato come uno dei più grandi esploratori di acque profonde della storia moderna”.

“Ma quello per cui lo ricorderemo di più è stato il suo grande cuore, il suo incredibile senso dell’umorismo e quanto amasse la sua famiglia. Ci mancherà oggi e ogni giorno per il resto della nostra vita”, hanno detto la moglie e i figli in un comunicato giovedì.

Hamish Harding, un uomo d’affari britannico con un notevole curriculum di spedizioni estreme, ha partecipato a molte spedizioni epiche.

Harding è stato un membro dell’equipaggio di volo del 2019 che ha battuto il record mondiale per la più veloce circumnavigazione del globo attraverso entrambi i poli e nel 2020 è diventato una delle prime persone a immergersi nel Challenger Deep nell’Oceano Pacifico, ampiamente ritenuto essere il punto più profondo . Negli oceani del mondo.

Globetrotter possedeva l’intermediazione aerea Action Aviation ed era amato da sua moglie e dai suoi due figli, ha detto la sua famiglia in una nota.

“Era un appassionato esploratore – indipendentemente dal terreno – che ha vissuto la sua vita per la sua famiglia, i suoi affari e la prossima avventura”, afferma la dichiarazione. “Ciò che ha realizzato nella sua vita è stato davvero straordinario, e se possiamo trarre una piccola consolazione da questa tragedia, è che ci siamo persi di fare ciò che amava”.

Tra quelli sul Titan c’erano il miliardario pakistano Shahjata Dawood e suo figlio Suleiman. L’azienda della loro famiglia, Dawood Hercules Corp., è uno dei più grandi conglomerati del Pakistan.

“In questo momento difficile di lutto, per favore tenete le anime dei defunti e la nostra famiglia nelle vostre preghiere”, hanno detto il padre della famiglia, Hussain Dawood, e sua moglie, Kulsum, in una dichiarazione giovedì.

Bill Diamond, un amico di Shahjada Dawood, ha detto mercoledì alla CNN che il suo amico era intelligente e sempre curioso. Ha detto che non pensava che Shahjata Dawood fosse un avventuriero, ma credeva che fosse consapevole dei rischi del viaggio su Titano.

READ  Il FMI taglia le prospettive di crescita tra i nervosismi del sistema finanziario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *