Tara VanDerVeer, l'allenatore di basket più vincente della NCAA, va in pensione

Stanford ha annunciato martedì sera che Tara VanDerVeer, l'allenatore di basket più vincente della NCAA in 45 anni con 1.216 vittorie, si ritirerà.

Kate Paye, ex giocatrice di VanDerveer e membro di lunga data del suo staff, è in trattative per succedergli, ha aggiunto la scuola.

VanDerVeer, 70 anni, rimane uno degli allenatori più leggendari del calcio, vincendo tre campionati nazionali (1990, 1992 e 2021) e portandoli a 14 Final Four nelle sue 38 stagioni a Stanford. Naismith e la Women's Basketball Hall of Famer avevano precedentemente allenato in Idaho (1978-80) e Ohio State (1980-85).

“Il basket è un enorme progetto di squadra e sono molto grato a ogni persona che ha supportato me e le nostre squadre durante la mia carriera da allenatore”, ha dichiarato VanDerveer in una nota. “Sono stato viziato per quasi quattro decenni come l'allenatore migliore e più brillante di una delle organizzazioni più importanti del mondo. Insieme al tempo trascorso in Ohio State e Idaho e al ruolo di capo allenatore della squadra nazionale degli Stati Uniti, è stata un'avventura indimenticabile. Ho apprezzato il viaggio di ogni stagione, un gruppo di giovani donne che lavorano duramente l'una per l'altra, ho visto la creazione di un legame indissolubile. Il successo è un sottoprodotto.

“Amo il gioco del basket fin da quando ero bambino e mi ha dato molto nel corso della mia vita. Spero di essere riuscito a restituire almeno qualcosa”.

VanDerveer, che chiude con un record assoluto di 1.216-271 (81,8%), continuerà a lavorare con Stanford e il dipartimento di atletica in veste di consulente, ha detto la scuola.

“Il nome di Tara è sinonimo di questo gioco, e il basket femminile non sarebbe quello che è oggi senza il suo lavoro pionieristico”, ha detto in un comunicato il direttore atletico di Stanford Bernard Muir. “È impegnato in questo campus da 40 anni ed è un mentore per tutti gli studenti-atleti che hanno frequentato il suo programma. Tara ha immediatamente costruito uno dei programmi iconici di questo sport al suo arrivo a Stanford, e da allora ha mantenuto quello standard per quasi quattro decenni.

READ  Inondazioni in Afghanistan: bambini strappati dal fango, centinaia muoiono in inondazioni improvvise

“Un'insegnante dinamica e positiva, un'amica e un mentore fiduciosa, l'impatto di Tara non ha eguali e non credo sia azzardato definirla una delle persone più influenti associate a questa università. Non vediamo l'ora di trovare modi appropriati per onorare il suo profondo impatto e la sua eredità a Stanford.”

VanDerVeer ha superato il record NCAA di 1.202 vittorie dell'allenatore in pensione della Duke and Army Mike Krzyzewski il 21 gennaio, ottenendo la sua 1.203esima vittoria in carriera in una vittoria casalinga per 65-56 contro l'Oregon State. La sua vittoria finale arrivò quando il suo cardinale sconfisse lo stato dell'Iowa nel secondo round del torneo NCAA al Maples Pavilion. Stanford Portland, testa di serie a 2 teste, ha perso contro la squadra delle Final Four NC State nelle semifinali della regione 4.

VanDerVeer, originario del Massachusetts cresciuto a New York, potrebbe essere meglio conosciuto per aver fondato una roccaforte sulla costa occidentale della California, ma il suo impatto e la sua eccellenza si sono fatti sentire a livello nazionale e oltre. Ha guidato Stanford al torneo NCAA ogni stagione dal 1988, secondo solo al Tennessee con 36 presenze consecutive. Compilando 28 posti Sweet 16 e 21 Elite Eight, si unisce a Geno Auriemma (136) di UConn e Pat Summitt (112) del Tennessee per un totale di almeno 100 vittorie in tornei NCAA.

Le sue 14 presenze nelle Final Four sono terze dietro Auriemma (23) e Summitt (18) ed è uno dei cinque allenatori con almeno tre titoli nazionali. .

Van der Veer si ritirò da Stanford durante la stagione 1995-96 in preparazione ai Giochi Olimpici del 1996, dove prestò servizio come capo allenatore della squadra nazionale degli Stati Uniti. L'imbattibilità della squadra ad Atlanta – la prima del programma con sette medaglie d'oro e oltre – è considerata un enorme punto di partenza per l'establishment della WNBA nel 1997.

READ  50 anni fa fece la prima telefonata

È giusto che VanDerVeer lasci l'incarico di allenatore dopo l'implosione della Conferenza Pac-12 che ha contribuito a portare a livelli così incredibili. Gli ultimi due anni di riallineamento della conferenza giungeranno al culmine quest'estate, quando 10 scuole Pac-12 partiranno ufficialmente per la Big Ten, Big 12 o ACC, con Stanford e Cal dopo.

Per decenni Stanford è stata praticamente sinonimo di basket femminile Pac-12, dominando la conferenza con 27 titoli di stagione regolare della conferenza dal 1989 e 15 dei suoi 23 titoli di torneo. Lo standard dentro e fuori dal campo che VanDerVeer ha stabilito a Stanford, che altri allenatori di Pac-12 hanno affermato da tempo, ha elevato l'intera conferenza da qualcosa che era un ripensamento a livello nazionale a uno dei principali campionati di basket femminile del paese.

Il Pac-12 vantava cinque squadre nell'ultimo torneo Sweet 16, il risultato di uno sforzo concertato per costruire la conferenza guidata dal suo presidente VanDerVeer.

“Tara è una leggenda a livello globale, ma per me è la persona più influente a livello personale”, ha detto Corey Close, allenatore di lunga data dell'UCLA. “Sono stato in uno dei suoi camp, ho giocato contro le sue squadre al college, ho lavorato nei suoi camp e ora ho allenato contro di lei e ho beneficiato della sua guida. La sua prestazione, la sua guida e il suo esempio sono notevoli… Il nostro sport le sarà debitore per molto tempo. “Non sono stato altro che il migliore per lei. Si è sicuramente guadagnata questa pensione.”

Prima dell'inizio della stagione finale del Pac-12, VanDerVeer ha detto a ESPN di essere “elettrizzato” dal fatto che la scuola abbia trovato una nuova casa nell'ACC in circostanze così difficili.

READ  Warren Buffett ha commesso degli errori nella gestione dei fallimenti bancari, Stati Uniti, applausi per il Berkshire

“Penso che sarà una conferenza straordinaria per il basket femminile”, ha detto Vanderveer a ESPN in ottobre. “Siamo molto grati che all'ACC piaccia Stanford. E la nostra cosa più importante è continuare a competere ad alto livello, e voglio allenare giocatori che desiderano una combinazione di grandi accademici e grande basket. Abbiamo reclutato molti ragazzi della costa orientale, quindi il nostro reclutamento sarà buono.”

VanDerveer ha prodotto decenni di giocatori WNBA di successo (le ex scelte n. 1 Nneka e Chiney Ogwumike, Jennifer Azzi e Candice Wiggins) e ne ha inviati un totale di 30 al draft WNBA dall'inizio del campionato, il secondo di tutti i tempi. Da un capo allenatore. Il senior Cameron Brink, recentemente nominato Pac-12 Player of the Year, dovrebbe essere un vincitore della lotteria nel draft della prossima settimana.

“Prende sul serio il gioco e lo tratta con il rispetto che merita, una piattaforma che dà ai giocatori poteri oltre i nostri sogni più sfrenati… ma non si prende troppo sul serio”, ha detto Okwumik. “Tara ride, balla e celebra sempre la squadra più di se stessa.”

L'ultimo giorno ufficiale di Vanderveer a Stanford sarà l'8 maggio, il 39esimo anniversario della sua assunzione, ha detto la scuola. Mercoledì si terrà una conferenza stampa presso il campus.

Auriemma, che ha allenato tutta la sua carriera all'UConn dal 1985, entrerà nella stagione 2023-24 con 1.213 vittorie, tre meno del record di VanDerveer.

Paye, che ha giocato per VanDerveer dal 1991 al 1995, ha trascorso gli ultimi 17 anni nello staff di VanDerveer, di cui otto come allenatore capo associato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *