TikTok è stato introdotto dagli Stati Uniti per affrontare i problemi di sicurezza nazionale

WASHINGTON – L’amministrazione Biden vuole che il proprietario cinese di TikTok venda l’app o affronti un possibile divieto, ha detto mercoledì TikTok, mentre la Casa Bianca rafforza la sua posizione nell’affrontare le preoccupazioni per la sicurezza nazionale riguardo al popolare servizio video.

Una nuova richiesta di vendita dell’app è stata fatta a TikTok nelle ultime settimane, hanno detto due persone che hanno familiarità con la questione. TikTok è di proprietà del gigante cinese di Internet ByteDance.

La mossa è un cambiamento significativo nella posizione dell’amministrazione Biden nei confronti di TikTok, che è stata oggetto di esame per i timori che Pechino possa cercare i dati degli americani dall’app. La Casa Bianca sta cercando di negoziare un accordo con TikTok che la vedrebbe applicare nuove salvaguardie ai suoi dati ed eliminare l’obbligo di ByteDance di vendere la sua quota nell’app.

Ma la domanda di vendite, unita al sostegno della Casa Bianca alla legislazione che consentirebbe il divieto di TikTok negli Stati Uniti, complica l’approccio dell’amministrazione. L’ex presidente Donald J. Sostiene la posizione di Trump.

TikTok ha detto che stava soppesando le sue opzioni ed è rimasto deluso dalla decisione. La società ha affermato che il suo piano di sicurezza, che include la memorizzazione dei dati degli americani negli Stati Uniti, offre una migliore protezione per gli utenti.

“Se l’obiettivo è proteggere la sicurezza nazionale, il disinvestimento non risolve il problema: un cambio di proprietà non impone alcuna nuova restrizione ai flussi di dati o all’accesso”, ha dichiarato in una nota la portavoce di TikTok Maureen Shanahan.

READ  I funzionari di Biden dovrebbero limitare i contatti con le società di social media

L’amministratore delegato di TikTok, Sho Chi Siew, dovrebbe testimoniare davanti al Comitato per l’energia e il commercio della Camera la prossima settimana. Dovrebbe affrontare domande sui legami dell’app con la Cina e sulla fornitura di contenuti dannosi ai giovani.

Un portavoce della Casa Bianca ha rifiutato di commentare, così come una portavoce del Dipartimento del Tesoro che ha condotto i negoziati con TikTok. Anche il Dipartimento di Giustizia ha rifiutato di commentare. Domanda di vendita Come riportato in precedenza Tramite il giornale di Wall Street.

TikTok, che ha 100 milioni di utenti statunitensi, è al centro di una battaglia tra l’amministrazione Biden e il governo cinese sulla leadership tecnologica ed economica e sulla sicurezza nazionale. Il presidente Biden ha condotto un’ampia campagna contro la Cina con massicci piani di finanziamento per aumentare la produzione interna di semiconduttori, veicoli elettrici e batterie al litio. L’amministrazione ha vietato le apparecchiature per le telecomunicazioni cinesi e ha vietato le esportazioni statunitensi di apparecchiature per la produzione di chip in Cina.

La lotta per TikTok è iniziata nel 2020, quando Trump ha dichiarato che avrebbe bandito l’app a meno che ByteDance non avesse venduto le sue azioni a una società statunitense, raccomandata da un gruppo di agenzie federali noto come Committee on Foreign Investment in the United States, o CFIUS. .


Come i giornalisti del Times vedono la politica Confidiamo che i nostri giornalisti siano osservatori indipendenti. Quindi, quando i dipendenti del Times votano, non sono autorizzati a sostenere o fare campagne per candidati o cause politiche. Ciò include la partecipazione a marce o manifestazioni a sostegno di un movimento o la donazione di denaro o la raccolta di fondi per qualsiasi candidato politico o causa elettorale.

READ  Procter & Gamble contrasta le affermazioni di "avidità" dopo l'aumento dei margini

L’amministrazione Trump alla fine ha raggiunto un accordo Byte Dance per vendere parte di TikTok a Oracle, una società americana di cloud computing, e Walmart. Ma la potenziale transazione non si è mai concretizzata.

Lo staff di CFIUS e TikTok hanno continuato a negoziare un accordo che consentirebbe all’app di operare negli Stati Uniti. TikTok ha presentato un’importante bozza di accordo ad agosto, che TikTok ha chiamato Project Texas. In base al piano, la società ha affermato che memorizzerà i dati degli utenti statunitensi su computer server gestiti da Oracle all’interno degli Stati Uniti.

I funzionari di TikTok non hanno ricevuto risposta dai funzionari di CFIUS da quando hanno presentato la loro proposta, ha affermato la società.

In quel vuoto, le preoccupazioni sull’usabilità si sono intensificate. Stati, scuole e Congresso hanno bandito TikTok. L’anno scorso, un’indagine aziendale ha rilevato che i dipendenti di ByteDance con sede in Cina hanno avuto accesso ai dati sugli utenti statunitensi di TikTok, inclusi i giornalisti.

Brendan Carr, un repubblicano della Federal Communications Commission, ha affermato che la nuova richiesta dell’amministrazione è un “buon segno” che la Casa Bianca sta prendendo una linea più dura.

“C’è un consenso bipartisan sul fatto che la sicurezza nazionale degli Stati Uniti non può essere compromessa quando si tratta di TikTok, quindi spero che la revisione del CFIUS possa ora essere conclusa rapidamente in un modo che protegga gli interessi degli Stati Uniti”, ha affermato. disse Carr.

La scorsa settimana la Casa Bianca ha sostenuto un disegno di legge bipartisan del Senato che le darebbe più autorità per trattare con TikTok, incluso il divieto dell’app. Se approvato, darebbe al management più influenza nelle trattative con l’utilità e gli consentirebbe di forzare una vendita.

READ  Elon Musk definisce i media statunitensi razzisti per il contraccolpo del fumetto "Dilbert".

Qualsiasi tentativo di vietare l’app o forzarne la vendita potrebbe essere oggetto di una sfida legale. Sig. I tribunali federali alla fine si sono pronunciati contro lo sforzo di Trump. L’American Civil Liberties Union ha recentemente condannato la legislazione per vietarne l’uso, affermando che solleva preoccupazioni ai sensi del Primo Emendamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *