Un tribunale indiano ha condannato Rahul Gandhi a 2 anni di carcere per i suoi commenti su Modi

AHMEDABAD, India, 23 marzo (Reuters) – Nel 2019 un tribunale indiano ha condannato il leader dell’opposizione Rahul Gandhi a due anni di carcere con l’accusa di diffamazione per essersi riferito a ladri soprannominati Modi.

Gandhi presenterà ricorso contro l’ordine presso l’Alta Corte, ma è un duro colpo per il suo partito del Congresso in vista delle elezioni generali del 2024. Il verdetto è stato emesso da un tribunale di Surat, situato nello stato di origine del primo ministro Narendra Modi, il Gujarat.

Gandhi, 52 anni, della dinastia politica Nehru-Gandhi, è comparso in un tribunale di Surat, che gli ha concesso la libertà su cauzione immediata e ha sospeso la pena per un mese.

Il consigliere del governo centrale Kanjan Gupta ha affermato che Gandhi, un membro della camera bassa del parlamento, dovrà affrontare l’immediata squalifica dalla legislatura in seguito alla condanna, secondo un’ordinanza del 2013 della Corte suprema del paese.

La squalifica di Gandhi, ex presidente del Congresso e suo attivista di punta, complicherà le possibilità del partito nelle prossime elezioni generali, dove è ampiamente previsto che il BJP vinca un terzo mandato.

“La corte ritiene che il commento di Rahul Gandhi sia diffamatorio”, ha affermato Ketan Reshamwala, avvocato del denunciante Purnesh Modi, un deputato del Gujarat del Bharatiya Janata Party (BJP) del primo ministro. “È stato condannato a due anni di carcere”.

In un discorso prima delle ultime elezioni generali del 2019, Gandhi ha menzionato il primo ministro e due uomini d’affari indiani fuggitivi, tutti soprannominati Modi, parlando della corruzione ad alto livello nel Paese.

READ  Mentre la bufera di neve continua nel sud, parti del nord-est hanno avvertito il brutale vento gelido che non sentivano da decenni

Giovedì, Gandhi ha detto alla corte che il suo commento non era contro nessuna comunità.

Il partito di Gandhi ha affermato di essere stato citato in giudizio dal governo “codardo e dittatoriale” del BJP perché aveva “smascherato le loro azioni oscure”.

“Il governo Modi sta soffrendo per la bancarotta politica”, ha twittato il presidente del Congresso Mallikarjuna Kharge. “Faremo appello all’Alta Corte”.

Il portavoce del Congresso Supriya Shrinath ha dichiarato: “Abbiamo tutte le risorse legali e le useremo”.

“Spero che prevalga la legge del paese”, ha detto.

Gandhi aveva il sostegno dell’Aam Aadmi Party (AAP) al governo di Delhi e due dei suoi principali leader sono in carcere con le cosiddette false accuse.

“C’è una cospirazione per eliminare leader e partiti non BJP perseguendoli”, ha twittato il leader del partito Aam Aadmi e primo ministro di Delhi Arvind Kejriwal.

“Abbiamo le nostre divergenze con il Congresso, ma non è giusto coinvolgere Rahul Gandhi in un caso di diffamazione. È compito del pubblico e dell’opposizione porre domande. Rispettiamo la corte ma non siamo d’accordo con il verdetto”.

Il Congresso un tempo dominante di Gandhi ha meno del 10% dei seggi eletti nella camera bassa del parlamento e ha perso molto contro il BJP nelle ultime due elezioni generali.

Modi rimane il politico più popolare dell’India con un margine considerevole e si prevede che otterrà una terza vittoria alle elezioni del prossimo anno.

Reportage di Sumit Khanna ad Ahmedabad, Shilpa Jamkandikar a Mumbai e Urban Chaturvedi a Nuova Delhi; Montaggio di Raju Gopalakrishnan, William McLean

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  L'FBI non ha trovato documenti riservati nella casa per le vacanze di Biden nel Delaware

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *