Cambi epocali per la prossima Champions League (alcuni riguarderanno anche l’Europa League), ufficializzati dalla UEFA sul suo sito ufficiale. La massima competizione continentale sarà per certi versi più elitaria ma si spera si possa alzare ulteriormente il livello medio degli incontri.

La prima novità che subito balza agli occhi è l’introduzione di un quarto cambio (vale anche per l’Europa League) che può essere utilizzato durante i tempi supplementari nella fase ad eliminazione diretta. Nelle finali (compresa la Supercoppa UEFA), poi, ci sarà la possibilità di inserire 23 giocatori nella distinta della gara: significa, quindi, che come già accade nella nostra Serie A in panchina siederanno 12 giocatori.

E proprio a riguardo dei calciatori viene anche cambiata, o meglio rimossa, la regola che prevedeva restrizioni nelle modifiche alla lista da consegnare a gennaio, dopo il calciomercato invernale. Restano 3 i cambi possibili ma, in compenso, potranno essere inseriti anche calciatori che nella stessa stagione avevano giocato nella stessa competizione con un’altra maglia.

Detto della riforma anche dei preliminari (26 squadre sono già ammesse alla fase a gironi, solo sei usciranno dalle qualificazioni), per i tifosi cambieranno anche le abitudini. Il martedì e il mercoledì nella fase a gironi ci saranno nuovi orari: le partite verranno divise in blocchi da 4, alle 18.55 e alle 21.00.