Icardi continua a segnare (sono 17 in 17 partite di campionato per “Maurito”) e Wanda Nara, sua moglie e procuratrice, continua a svolgere egregiamente il suo lavoro fuori dal campo. Presto, infatti, potrebbe cominciare una trattativa con l’Inter per un nuovo (l’ennesimo) contratto; con prolungamento e, ovviamente, ritocco dell’ingaggio.


Un anno e mezzo fa arrivò l’ultimo rinnovo, dopo un’estate in cui era stato forte il pressing del Napoli che lo vedeva come perfetto sostituto di Higuain. Icardi strappò un rinnovo con scadenza del contratto nel 2021, con stipendio da 5.5 milioni di euro netti all’anno e clausola rescissoria, valida solo per l’estero, da 110 milioni.

Tutti dettagli che potrebbero essere ridefiniti molto presto. Sono diverse le opzioni che circolano, andiamo ad analizzarle. La prima è quella che vorrebbe il club: prolungamento di un anno (quindi scadenza portata al 2022) e ingaggio che salirebbe a 7 milioni di euro annui.


Cifre che non disterebbero tanto dalle richieste di Icardi e Wanda Nara. La manager del fuoriclasse argentino, sul quale è vigile il Real Madrid, punterebbe a una scadenza nel 2023 con stipendio da 7.5 milioni di euro. Richieste che verrebbero giustificata anche da un rialzo sostanzioso della clausola rescissoria fino a 200 milioni, che metterebbe a riparo l’Inter da sgradite sorprese.