Il Napoli approfitta del mezzo passo falso della Juventus contro la Spal e, battendo 1-0 il Genoa al San Paolo, si porta a -2 dal primo posto in classifica, quando mancano nove giornate. Non può che essere soddisfatto Maurizio Sarri, nonostante una prestazione non brillantissima dei suoi sul piano del gioco: “Era palese che fosse una partita difficile, il Genoa ha una delle migliori difese d’Europa in trasferta. E sin dai primi minuti si è capito che sarebbero stati pericolosi in contropiede”.

Sarri poi continua: “Era una di quella partite in cui bisognava avere grande pazienza e i calci piazzati erano una delle opzioni per sbloccare il punteggio. Anche dal punto di vista psicologico non era semplice, venivamo da due partite non vinte anche se la prestazione con l’Inter è stata sottovalutata da tutti”.

Il discorso ovviamente cade sulla lotta Scudetto con la Juve: “Padroni del nostro destino? Difficile dirlo, per me quello che conta è che questo gruppo sta facendo cose straordinarie, stabilendo i due migliori punteggi nella storia del club a questo punto del campionato. Per noi è un onore duellare con la Juventus, di solito a questo punto della stagione negli ultimi anni il campionato era già finito. Vorrei andare al Palazzo e prendere il potere, ma non sarà così semplice…”.