A poco più di un mese dal suo arrivo in Spagna e nonostante qualche scoppola di troppo in campionato (le batoste contro Betis, all’esordio, e Eibar sono state pesantissime), Vincenzo Montella si toglie la prima grande soddisfazione alla guida del Siviglia.

Gli andalusi hanno battuto 2-0 il Leganes nel ritorno della semfinale di Coppa del Re (l’andata si era chiusa sull’1-1) e si giocherà quindi il trofeo contro la vincente di Valencia-Barcellona. Al Sanchez Pizjuan hanno deciso le reti di due vecchie conoscenze del campionato italiano: al 15′ ha aperto l’ex Sampdoria Correa, abile a sfruttare l’assist di un altro ex doriano, Luis Muriel (tra i migliori in campo).

Dopo un secondo tempo intenso ma tutto sommato avaro di occasioni nitide, al 90′ è arrivato il gol della tranquillità: è stato Franco Vazquez a chiudere il contropiede condotto con Sandro.

Per il Siviglia, squadra che negli anni ha costruito una reputazione mondiale grazie alle vittorie a ripetizione nelle coppe nazionali ed europee, è la seconda finale in tre anni di Copa del Rey. Montella, dal suo canto, si giocherà un titolo in finale per la terza volta nella sua carriera da allenatore: con la Fiorentina, nel 2014, perse contro il Napoli, mentre col Milan, nel dicembre del 2016, batté la Juventus ai rigori nell’atto finale della Supercoppa d’Italia.