La notizia che una denuncia federale afferma che le precedenti preferenze di Harvard nelle ammissioni violano le leggi sui diritti civili

Aggiornato il 3 luglio 2023 alle 17:26

Lunedì mattina tre gruppi neri e latini hanno presentato una denuncia per i diritti civili contro Harvard, sostenendo che l’eredità dell’università e le preferenze dei donatori nel processo di ammissione violano il Civil Rights Act del 1964.

Una denuncia di 31 pagine presentata da avvocati per i diritti civili davanti all’Ufficio per i diritti civili del Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti afferma che la considerazione di Harvard degli elettivi tradizionali “viola la legge federale”.

“In altre parole, Harvard ammette principalmente studenti bianchi che utilizzano donatori e opzioni legacy e, come risultato diretto, esclude i candidati non bianchi”, afferma la denuncia.

In quanto destinatario di fondi federali, Harvard deve seguire il titolo VI del Civil Rights Act del 1964, che proibisce la discriminazione “sulla base della razza, del colore o dell’origine nazionale” nei programmi che ricevono aiuti finanziari federali.

Il deposito arriva pochi giorni dopo che la Corte Suprema ha stabilito che le politiche di ammissione ad Harvard e all’Università della Carolina del Nord violavano la clausola di pari protezione del quattordicesimo emendamento e consideravano impropriamente la razza nel processo di ammissione.

In una dichiarazione congiunta in risposta alla sentenza della corte di giovedì, gli alti funzionari di Harvard hanno scritto che l’università “continuerà a essere una vivace comunità con membri provenienti da tutto il mondo”.

“Scriviamo oggi per riaffermare il principio fondamentale che l’insegnamento, l’apprendimento e la ricerca profondi e trasformativi dipendono da una comunità di molteplici background, prospettive ed esperienze vissute”, hanno scritto.

Gli avvocati per i diritti civili hanno presentato la denuncia per conto del progetto CHICA, dello sviluppo socioeconomico africano del New England e della rete Greater Boston Latino.

READ  Fargo: un agente di polizia ucciso, altri 2 feriti nella sparatoria di Fargo

La denuncia delinea sei richieste, che richiedono al Dipartimento dell’Istruzione di indagare sulle politiche di ammissione di Harvard, dichiarando che le preferenze legacy violano il titolo VI e dichiarando che Harvard deve smettere di considerare le preferenze legacy e dei donatori se vuole continuare a finanziare federali.

Nella denuncia, i gruppi chiedono che “il Dipartimento fornisca tutti i rimedi appropriati e ragionevoli” per garantire che i richiedenti non possano fare riferimento a una relazione con un familiare o un donatore in qualsiasi momento del processo di ammissione.

La denuncia sostiene che Harvard dà “una preferenza speciale nel suo processo di ammissione a centinaia di studenti per lo più bianchi” a causa di “chi sono i loro parenti”.

“Gli studenti che ricevono queste preferenze speciali (“preferenze di donatori e legacy”) hanno maggiori probabilità di essere accettati rispetto ad altri candidati e comprendono fino al 15% degli studenti ammessi ad Harvard”, afferma la denuncia.

La portavoce di Harvard Nicole G. Roura non ha risposto a una richiesta di commento sulla denuncia per i diritti civili.

Le adozioni legacy sono state a lungo esaminate dai funzionari federali e statali: un disegno di legge che vieta le adozioni legacy è stato proposto al Congresso l’anno scorso e un altro è stato proposto in Massachusetts all’inizio di quest’anno.

Durante le discussioni orali dello scorso ottobre, i giudici hanno chiesto se l’eliminazione delle opzioni legacy sarebbe stata un’alternativa neutrale rispetto alla razza rispetto alla diversificazione del corpo studentesco di Harvard. Dopo la loro sentenza della scorsa settimana, diversi giudici della Corte Suprema e il presidente Joe Biden, incluso il presidente Joe Biden, hanno definito ingiuste le opzioni legacy.

READ  PREVISIONI AREA DC: Soleggiato e un po' di fumo oggi mentre le possibilità di tempesta si fermano

Preside delle ammissioni e degli aiuti finanziari William R. Fitzsimmons ’67 in precedenza sosteneva sovvenzioni di livello legacy “piccola mancia” nel processo di ammissione.

Le scuole d’élite hanno smesso di considerare le opzioni legacy negli ultimi anni. La Johns Hopkins University, l’Amherst College e il Massachusetts Institute of Technology non considerano tutti il ​​patrimonio nel loro processo di ammissione.

Ad Amherst, la percentuale di lasciti nella classe in arrivo iscritta è scesa al 6 percento dalla media annuale dell’11 percento dello scorso anno, segnando la prima volta che i lasciti non sono stati elettivi.

Nel giugno 2017, il Preside del College Rakesh Khurana, Fitzsimmons e l’allora Preside della Facoltà di Arti e Scienze Michael D. Presieduto da Smith, il Comitato per lo studio delle alternative neutrali alla razza è stato formato per considerare alternative alla sensibilità razziale del college. Processo di ammissione inclusa l’eliminazione delle preferenze ALDC: preferenze per atleti, tradizioni, candidati “Dean’s List” e figli di docenti e personale.

Il rapporto del gruppo, pubblicato nel 2018, ha rilevato che la diversità non può essere raggiunta senza sacrifici “significativi e inaccettabili” per “altri imperativi istituzionali” – comprese le alternative neutrali rispetto alla razza – tra cui l’abbandono delle opzioni per gli ALDC.

Nella loro denuncia, gli avvocati hanno attaccato l’affermazione di Harvard secondo cui le preferenze ereditarie sono necessarie per mantenere buoni rapporti con donatori ed ex studenti.

“Le persone non si applicano, si impegnano o donano ad Harvard perché le preferenze dei donatori e dell’eredità hanno eliminato la logica”, hanno scritto.

Il deposito cita specificamente l’impatto che la recente decisione del tribunale avrà sugli sforzi per includere un corpo studentesco diversificato.

READ  Il presidente Joe Biden ha annunciato una candidatura per la rielezione nel 2024

“Per promuovere, o almeno preservare, la diversità e l’equità nel processo di ammissione in corso, Harvard deve smettere di utilizzare un sistema che offre preferenze significative ai candidati bianchi, come le opzioni di donatore e legacy, a scapito dei candidati di colore”, il dice il rapporto.

“Le giustificazioni affermative di Harvard per l’utilizzo delle preferenze dei donatori e dell’eredità mancano di importanti obiettivi accademici; d’altra parte, la diversità è un obiettivo accademico convincente e uno che Harvard ha costantemente sostenuto”, afferma.

—La scrittrice dello staff Michelle N. Amponsah può essere contattata all’indirizzo michelle.amponsah@thecrimson.com. Seguila su Twitter @mnamponsah.

—Lo scrittore dello staff Raheem D. Hamid può essere contattato all’indirizzo rahem.hamid@thecrimson.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *